Home Articoli HP Città della Salute, gli ospedali torinesi parlano la stessa lingua

Città della Salute, gli ospedali torinesi parlano la stessa lingua

12
SHARE
Città della Salute, gli ospedali torinesi parlano la stessa lingua
Città della Salute, gli ospedali torinesi parlano la stessa lingua

Il tanto atteso futuro sta arrivando anche alla Città della Salute di Torino.

Informatica e Sanità si uniscono per lavorare insieme e rendere ormai obsoleti i vecchi sistemi informativi degli ospedali del complesso Città della Salute: da oggi tutte e quattro le strutture utilizzeranno lo stesso sistema sanitario TrakCare® di InterSystems.

Città della Salute, gli ospedali torinesi parlano la stessa lingua

 

Ma di cosa si tratta ed a cosa serve? In che modo tornerà utile ai cittadini? Domande lecite a cui cercheremo di dare risposte brevi e semplici.

Fino a ieri, i presidi ospedalieri di Città della salute avevano quattro diversi sistemi informativi che non permettevano la corretta circolazione delle informazioni sui pazienti fra loro, mentre da oggi la storia clinica dei cittadini sarà conosciuta in tutte le strutture e non ci sarà più bisogno di avere sempre con sé tutti gli esami fatti in passato, perché saranno caricati direttamente sul sistema, nel rispetto di tutte le normative sulla privacy.

Lo stesso discorso vale per le impegnative per gli esami specialistici che verranno sostituite dalla versione elettronica e che permetterà di prenotare gli esami senza doversi recare al CUP, evitando così lunghe code.

Questa innovazione, già attiva in 3 dei quattro ospedali della Città della Salute sarà esteso anche alle Molinette a partire da gennaio 2017.

Città della Salute, gli ospedali torinesi parlano la stessa lingua

L’obiettivo è quello di snellire il processo di prenotazione degli esami e di facilitare la consultazione degli esiti da parte dei medici che potranno avere ben chiara e sempre disponibile la storia clinica de pazienti, rendendo più semplice anche la diagnosi.

Un nuovo metodo di approccio al sistema ospedaliero torinese che, con i suoi 430 ambulatori e più di 130 servizi coperti, darà la possibilità alla nuova Città della Salute di essere sempre più a portata di cittadino e potremo dire addio ai faldoni cartacei di esami e referti che abbiamo in casa e di avere tutto quanto a portata di clic.

Francesco Esposito

Commenti

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here