Home Arte Capitale Italiana della Cultura 2018, anche Settimo Torinese in corsa

Capitale Italiana della Cultura 2018, anche Settimo Torinese in corsa

15
SHARE
Torino nuova capitale dell'innovazione?

È ufficialmente aperta la corsa che porterà all’elezione della Capitale Italiana della Cultura 2018, e tra le città partecipanti spunta l’inatteso nome di Settimo Torinese. Il comune confinante a nord con Torino figura infatti nella lista delle 21 pretendenti al prestigioso riconoscimento, che non solo può dare lustro alla cittadina, ma anche delle ottime e sempre utili risorse economiche.

Infatti, chi si aggiudicherà la nomina sarà ricompensato dal Governo con un capitale di ben un milione di euro, da investire con molta probabilità in opere di riassestamento e di miglioramento delle strutture della città.

Sarà una giuria di sette esperti d’arte e cultura ad assegnare il riconoscimento, ovviamente basando la propria decisione su criteri ben precisi come la popolarità nel settore culturale e gli aspetti urbanistici e territoriali. Una prima selezione vedrà avanzare all’atto finale 10 delle 21 partecipanti, e la vincitrice sarà resa nota dal 31 Gennaio 2017.

La candidatura di Settimo ha sicuramente sospeso molti: la città è storicamente di origine romana, e nel passato è stata un punto strategico per quanto riguarda l’industria e lo sviluppo di Torino. Il fatto che sia stata riconosciuta come città solo nel secondo dopoguerra non scalfisce la grande ricchezza dal punto di vista storico di questo Comune. Se si pensa ai vecchi edifici adibiti a museo e agli investimenti corposi sulla biblioteca civica, si può sperare in una vittoria che, al momento, sembra molto improbabile.

Il famoso milione di euro promesso dal Governo farebbe molto al caso di Settimo, perché potrebbe essere reinvestito in opere pubbliche e in strutture architettoniche moderne da lasciare alle generazioni future.

Correlato:  Torino, i musei aprono le proprie porte gratuitamente il primo martedì del mese

Settimo Torinese se la dovrà vedere con città di grande caratura culturale. Di seguito riportiamo tutte le città coinvolte: Alghero, Aliano, Altamura, Aquileia, Caserta, Comacchio, Cosenza, Ercolano, Iglesias, Montebelluna, La Spezia, Ostuni, Palermo, Piazza Armerina, Recanati, Settimo Torinese, Spoleto, Trento, Unione dei Comuni Elimo Ericini, Vittorio Veneto, e, infine, Viterbo – Orvieto – Chiusi con candidatura congiunta. Ovviamente, ci auguriamo, per orgoglio torinese, che Settimo abbia la meglio.

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here