Home Innovazione Alla Reggia di Venaria il wifi è gratuito

Alla Reggia di Venaria il wifi è gratuito

3
SHARE
La Reggia di Venaria diventa wifi free.
La Reggia di Venaria diventa wifi free.

Da oggi c’ è un motivo in più per visitare una delle più belle residenze sabaude del nostro territorio, la dimostrazione che, anche i palazzi storici guardano al futuro senza perdere mai la loro magnificenza. Dopo quasi vent’anni, da quando la Reggia di Venaria è entrata a far parte dei patrimoni dell’umanità dell’Unesco, sarà possibile navigare gratuitamente sia all’interno che all’esterno del Palazzo.

Grazie alla collaborazione con BBBell, azienda piemontese leader nel settore della telecomunicazione, verranno installati oltre 40 hotspot per l’accesso ad internet utili a potenziare il segnale e permettere una navigazione veloce e sicura a coloro i quali si trovino nel perimetro della Reggia. Con i suoi oltre 600.000 visitatori dell’anno scorso (con un incremento del 6,5 rispetto al 2014) la Venaria Reale è entrata nella top ten dei luoghi di cultura a gestione statale maggiormente visitati nel 2015, da qui questo importante progetto.

Un totale di 30 ripetitori ad alte prestazioni installati nelle sale interne come il Salone di Diana, la Cappella di Sant’Umberto e la Galleria Grande e 10 tra le fontane ed i viali dei giardini posti all’esterno, rispettando le disposizioni della Soprintendenza per i beni storico artistici.

Connettersi sarà molto semplice: basterà cercare la rete “reggia wifi” ed autenticarsi gratuitamente via SMS, in modo da ricevere le credenziali d’accesso che permetteranno agli utenti di navigare non soltanto alla Reggia di Venaria, ma anche negli oltre 200 hotspot gestiti da BBBell in Piemonte e Lombardia.

Un bel passo tecnologico in avanti per la residenza reale sabauda che, in questo modo, unirà passato e futuro passando per gli smartphone ed i tablet di tutti coloro che ogni giorno visitano le gallerie juvarriane. Una collaborazione tutta piemontese a dimostrazione che, anche quando si parla di internet, è possibile ottenere grandi risultati a km0.

Correlato:  Smart City, una classifica delle città italiane

 

Francesco Esposito

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here