Home Storia Gustavo Rol: 113 anni fa nasceva a Torino il famoso maestro spirituale

Gustavo Rol: 113 anni fa nasceva a Torino il famoso maestro spirituale

37
SHARE
Gustavo Rol: 113 anni fa nasceva a Torino il famoso maestro spirituale
Gustavo Rol: 113 anni fa nasceva a Torino il famoso maestro spirituale

Nasceva il 20 giugno di 113 anni fa uno dei personaggi più discussi del nostro capoluogo sabaudo: Gustavo Rol.

Sensitivo, mentalista e chiaroveggente Gustavo Rol è stato senza ombra di dubbio una delle menti più luminose ed incredibili che hanno calcato Torino.

Nasce in una famiglia agiata, il padre, Vittorio, è un avvocato a cui viene affidato il compito di dirigere la sede torinese della Banca Commerciale Italiana. La madre, invece, è figlia del presidente del Tribunale di Saluzzo.

L’educazione di Gustavo Rol è di primo livello; fin dall’infanzia dimostra un grande interesse per arti come la pittura e la musica, tutto sommato però, per seguire le orme del padre si iscriverà nel 1923 alla facoltà di Giurisprudenza dell’Università degli studi di Torino. Laureatosi dieci anni più tardi inizierà a lavorare in giro per l’Europa presso filiali della Comit.

Sarà nella cittadina francese di Marsiglia che Gustavo Rol verrà a contatto con la metafisica. Inizia così una seconda parte della sua vita che lo renderà noto in tutta Italia. Gli studi nei quali si getterà a capofitto sull’associazione tra suoni, colori ed elementi lo porteranno a scrivere:

“Ho scoperto una tremenda legge che lega il verde, la quinta musicale ed il calore. Ho perduto la gioia di vivere. La potenza mi fa paura e non scriverò più nulla!”

Gustavo Rol: 113 anni fa nasceva a Torino il famoso maestro spirituale

Seguirà a questo periodo una crisi esistenziale che lo porterà a rinchiudersi in un convento, dal quale tornerà a vita laica solo grazie al supporto della madre.

Ricomincia dunque la sua vita mondana e la sua fama tra i ceti aristocratici e politici non tarderà ad emergere. Giornalisti e scrittori lo descrivono come un uomo incredibile e fuori dal tempo. La sensazione sembrava essere quella di avere a che fare con un uomo dotato di poteri illimitati che viveva una vita riservata immerso nella ricerca e dai libri.

Correlato:  12 giugno 1954: Domenico Savio, santo tra i giovani di Don Bosco

Tra i vari poteri di cui aveva dato dimostrazione si possono elencare, tra gli altri, telepatia, chiaroveggenza, precognizione, viaggi nel tempo, levitazione, telecinesi, materializzazione e smaterializzazione di oggetti. Ma come facile che sia non mancava neanche una schiera di scettici: Piero Angela e Tullio Regge fondarono addirittura il Comitato Italiano per il Controllo delle Affermazioni sul Paranormale, e spesso chiesero a Rol disponibilità per una dimostrazione pratica dal vivo.

Ciò non avvenne mai.

Gustavo Rol sosteneva infatti che i suoi poteri scaturissero da un’entità superiore e non potessero assolutamente esser replicabili sotto richiesta. C’è da dire che era proprio l’avvocato piemontese a selezionare attentamente il suo pubblico.

Gustavo Rol: 113 anni fa nasceva a Torino il famoso maestro spirituale

Il mago Silvan tentò invano per anni di farsi invitare per scoprire qualche trucco segreto, purtroppo però, invano. Sarà solamente il rancore a far affermare al mago che Rol non fosse altro che un prestidigitatore poiché utilizzava spesso le carte da gioco e forzature tipiche di un illusionista?

Rol morirà nel 1994 a seguito del peggiorarsi del suo stato di salute.

Portò con sé nella tomba il mistero che per tutta la vita lo accompagnò. A noi, però, rimarrà per sempre il ricordo di una personalità straordinaria, in grado di far discutere i personaggi di rilievo in tutta Europa e che comunque, preveggente o meno, azzeccò una delle premonizioni che cambiarono la storia del nostro Belpaese.

Convocato dal Duce, su esplicita domanda, la risposta fu altrettanto esplicita: “La guerra è perduta e voi sarete allontanato dagli italiani nella primavera del 45”.

Uscendo, infine, comunicò alle guardie la data esatta della morte di Mussolini.

E fu la fine del ventennio più buio della nostra nazione.

Correlato:  1960: Alfred Hitchock turista del boom torinese

 

Paolo Spano

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here