Home Territorio Politecnico apre un nuovo corso per formare i futuri “energy manager”

Politecnico apre un nuovo corso per formare i futuri “energy manager”

0
SHARE
Politecnico apre un nuovo corso per formare i futuri
Politecnico apre un nuovo corso per formare i futuri "energy manager"

“Efficienza energetica e sostenibilità nell’industria” è il nuovo master di 2° livello che il Politecnico di Torino in collaborazione con EDF Fenice mette a disposizione per l’anno accademico 2016/2017.

Visto le tematiche e la specializzazione nel settore industriale, il corso, dal prezzo di 4500 euro, si pone come uno dei pochi in Europa che lanceranno sulla piazza le future figure professionali di “energy manager”.

Il master ha quindici posti, ognuno dei quali sarà (forse) sovvenzionato da borsa di studio, ed è diviso in due parti, la prima prevede 500 ore di lezione, mentre la seconda un tirocinio di 250 ore in azienda per sviluppare le capacità necessarie in ambito di conoscenze energetiche.

In merito all’ingresso del master di 2° livello nell’università torinese l’a.d. Nicolas Katcharov di EDF Fenice ha sottolineato come questa sarà un’occasione per connettere il mondo dell’impresa con quello dell’innovazione, nello specifico legando il Politecnico di Torino con le aziende che parteciperanno al progetto. Sempre Katcharov è stato chiaro sulla questione di inserire professionisti nel mondo del lavoro le cui conoscenze sono riconosciute, in questo caso chiaramente si parla di sostenibilità ed efficienza; cosa che tra l’altro giunge a ruota dietro la conferenza COP21 tenutasi a Parigi pochi giorni fa dove si dibatteva sulle stesse tematiche.

In linea con Katcharov anche il rettore Marco Gilli ha ribadito come la collaborazione tra azienda e ente universitario sia l’esempio lampante, assieme all’affidamento dell’Energy Center sull’area industriale ex-Westinghouse al Poli, di come gli investimenti su persone e infrastrutture stiano portando frutto.

 

@Damiano Grilli

Commenti

Correlato:  Giardini di Torino, una storia tra bellezza e antichità

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here