Home Innovazione General Motors investe a Torino sull’auto del futuro

General Motors investe a Torino sull’auto del futuro

2
SHARE
Torino, General Motors investe sull’auto del futuro
Torino, General Motors investe sull’auto del futuro

Un nuovo accordo di partnership tra il Politecnico di Torino e Gm Global Propulsion Systems (la società europea del gruppo che si occupa della ricerca sui motori) è stato appena siglato.

Una collaborazione da circa sei milioni di euro che porterà a Torino le ricerche per lo sviluppo di nuove tecnologie per implementare la progettazione dell’auto del futuro.

Dalla connettività alla gestione di dati, dall’informatica alle telecomunicazioni, dalla connessione dei veicoli alle nuove propulsioni: tutto questo porterà all’ampliamento della sede sita in corso Castelfidardo con il conseguente aumento della fiducia e della collaborazione tra il centro di ricerche americano ed il Politecnico di Torino.

Si parla anche di nuovi posti di lavoro: saranno aperte le posizioni per circa 26 ricercatori ed un centinaio di ingegneri entro i prossimi tre anni. Tali figure non si occuperanno soltanto di motori, ma anche di tutti quegli aspetti che porteranno alla continua evoluzione dell’automobile, di tutto ciò che gli gira intorno e si andranno ad aggiungere ai circa 700 tecnici che, ad oggi, lavorano su Torino per la General Motors.

Un altro modo per dimostrare come il capoluogo piemontese sia ancora la capitale dell’automobile e per dare ancora più prestigio all’Ateneo del Politecnico. Una collaborazione che ha già portato ottimi risultati in passato e che, si prevede, attraverso questo nuovo accordo ne porterà altrettanti negli anni a venire.

I nuovi spazi sorgeranno accanto a quelli già esistenti nei pressi di via Boggio: 2.500 metri quadrati di uffici che si andranno ad aggiungere ai 22.000 già a disposizione della multinazionale dell’auto.

Questo progetto vedrà la luce del sole entro il 2019, anno in cui si comincerà a riscrivere una pagina importante della storia della nostra città: quella dell’automobile del futuro, che potrebbe nascere proprio sotto la Mole.

Correlato:  E se le cabine telefoniche non servissero a telefonare?

 

 

Francesco Esposito

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here