Home Storia Quella volta che Muhammad Alì alloggiò al hotel Sitea

Quella volta che Muhammad Alì alloggiò al hotel Sitea

8
SHARE
Torino, Quella volta che Muhammad Alì alloggiò al Sitea
Torino, Quella volta che Muhammad Alì alloggiò al Sitea

È scomparso pochi giorni fa.

Le complicazioni respiratorie dovute al morbo di Parkinson hanno portato via al mondo intero quello che in molti definiscono “il campione dei campioni”. Muhammad Alì combatteva per gli oppressi, combatteva per tutti coloro i quali cercavano riscatto e rispetto, aveva in sé la forza di tutte le vittime di soprusi e, guardare i suoi incontri era ipnotizzante, era diverso, era speciale.

L’uomo che volava come una farfalla, ma pungeva come un’ape, un atleta che doveva essere cattivo per lavoro, ma che nella vita era un maestro, un saggio, uno di quelli che pronunciava frasi che colpivano più forte dei suoi pugni.

Era il 1991 e, ospite in una trasmissione televisiva condotta da Gianni Minà, arrivò a Torino e ci rimase qualche giorno.

Torino, Quella volta che Muhammad Alì alloggiò al Sitea
(Foto tratta pagina Facebook Hotel Sitea)

 

Fu un evento. Chi lo ha conosciuto dice che non si comportava come una star, come la stella dello sport che era, ma anzi, lo definivano “il ciclope dal cuore d’oro”. Tre notti passate al Grand Hotel Sitea, in via Carlo Alberto 35, in una città che non era ancora la meta turistica che è oggi, lontano dagli sguardi e dalle luci della ribalta che avrebbe meritato.

Un semplice messaggio di ringraziamento e di ammirazione per lo staff dell’albergo sul guestbook, come ognuno di noi fa alla fine di un soggiorno, uno smile a riassumere la piacevolezza dell’esperienza vissuta e un arrivederci con la sua firma. Un saluto senza fronzoli, senza la pretesa di essere più importante degli altri.

Torino, Quella volta che Muhammad Alì alloggiò al Sitea

Ed è forse questo il modo di salutare un campione, lo sportivo che fu tra i primi a scrivere un libro, a pronunciare frasi che risuonano ancora oggi nelle orecchie e fanno inumidire gli occhi a chi era giovane negli anni ’70 e considerava Alì come un esempio, come il più grande di tutti. In pochi sanno che sconfisse persino Superman in un’edizione speciale del celebre fumetto della DC Comics e, fu in quell’occasione che pronunciò la famosa frase “Tutto quello che posso fare è combattere per la verità e la giustizia”.

I valori per cui combatte ogni supereroe che si rispetti.

Correlato:  13 gennaio 1907: 110 anni fa il primo derby di Torino

 

Francesco Esposito

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here