Home Cronaca di Torino Una medaglia d’oro al valor militare per Torino

Una medaglia d’oro al valor militare per Torino

108
SHARE
medaglia d'oro al valor militare
medaglia d'oro al valor militare
Tempo di lettura: 2 minuti

Una medaglia d’oro al valor militare per Torino

Quando si parla di una medaglia al valore solitamente si pensa subito ad un eroe di guerra che con sprezzo del pericolo ha messo a repentaglio la sua vita per compiere un gesto di valore assoluto per la propria patria o per salvare i propri compagni o civili indifesi. Questo non è affatto sbagliato, ma c’è di più;  quello che forse non tutti sanno è che la suddetta onorificenza può essere assegnata anche ad un gruppo di persone (militari o civili) e addirittura ad un’intera città.

Ed è ciò che è successo alla nostra amata Torino, che il 29 Maggio del 1959 si vide insignita della medaglia d’oro al valor militare, per il sostegno alla resistenza partigiana fornito dai suoi cittadini ed in ossequio al tributo di sangue che quest’ultimi hanno versato.

 

soldati italiani fatti prigionieri
soldati italiani fatti prigionieri

 

Queste le motivazioni direttamente dal sito del quirinale: “Capitale e cuore di una regione guerriera non piegò sotto l’urto ferrigno e per diciannove mesi oppose invitta resistenza all’oppressore sdegnando le lusinghe e ribellandosi alle minacce. Rifiutò compromessi, tregue e accordi indegni che avrebbero offuscato la limpidezza delle sue nobili tradizioni e si eresse, con la stessa fierezza dei padri, nuovo baluardo alla continuità e all’intangibilità della Patria. Centro pulsante di vitale linfa, alimentò le sue formazioni partigiane che, senza distinzione di parte, nel piano, sui monti e per le valli opposero i petti dei giovani figli alle dilaganti orde che non riuscirono a portare il ludibrio nelle contrade, nelle case, nelle officine, ove lavoro e onore erano atavico vessillo d’onesta fede e di sacro amore di Patria. Tutto il suo popolo in armi, dopo aver fieramente rifiutato, nonostante minaccia di nuovi massacri e distruzioni, il libero passo al nemico in ritirata, unito in un supremo sforzo che fece di tutti i cuori, un solo cuore pulsante del più nobile ardore, travolgeva ed abbatteva per sempre la tracotanza nazifascista. 11 impiccati, 271 fucilati, 12.000 arrestati, 20.000 deportati, 132 caduti e 611 feriti in fatti d’arme, sono il sublime contributo di sangue e di martirio sacro patrimonio alle generazioni future che ha infiorato la dura e radiosa via della redenzione e della libertà. 8 settembre 1943-25 aprile 1945.”

 

Correlato:  Rifugio antiaereo di Palazzo Civico, riqualificato per il 25 Aprile
panorama di Torino
panorama di Torino

 

Un invito ad onorare pubblicamente tutti coloro che col loro dolore e sacrificio, e a volte purtroppo con la propria vita, si sono opposti all’occupazione nazi-fascista ed alla dittatura della repubblica di Salò successive all’armistizio di Cassabile, che entrato in vigore dopo l’annuncio dell’8 settembre 1943 sanciva l’armistizio con le forze anglo-americane firmato pochi giorni prima, il giorno 3.

Daniele De Stefano

 

seguiteci su facebook



Commenti

SHARE