GruVillage 2016, il rock sotto il segno di Cavour

GruVillage 2016, il rock sotto il segno di Cavour

2
SHARE

Compie 11 anni GruVillage, il Festival che dal 18 giugno al 30 luglio trasforma l’Arena all’aperto di Shopville Le Gru, alle porte di Torino, in uno spazio straordinario per la migliore musica dal vivo.

Dieci edizioni sempre in crescita che hanno reso il GruVillage una delle manifestazioni musicali di punta del panorama estivo del nord ovest, grazie a un cartellone ricco di proposte stimolanti.

Il pittore e street artist torinese Massimiliano Petrone, dopo la partecipazione alla Biennale di Venezia e numerose mostre in Italia, Portogallo e Australia,  per il secondo anno, lascia il suo segno, forte, incisivo e riconoscibile sul GruVillage: un omaggio al Piemonte, un invito alla libertà e all’unità, ritraendo in chiave rock lo statista più celebre della storia di Italia, Camillo Benso Conte di Cavour.

L’immagine, che raffigura l’uomo simbolo del Risorgimento, dipinto con toni di colore acceso, ricorda l’immaginario fantastico dei Kiss e diventa il volto del GruVillage 2016: il lavoro creato in esclusiva per la manifestazione è il fil rouge di tutta la comunicazione e l’immagine del festival.

arena_2016

 

Una programmazione di grande qualità, eclettica e trasversale, la più varia e lunga nell’estate piemontese a prezzi accessibili e popolari, arte, intrattenimento, in uno spazio di quasi 6.000 mq, attrezzato al meglio per artisti e pubblico, con due aree ristoro & cocktail bar e otto terrazze lounge allestite come eleganti salotti. Il festival è prodotto e interamente finanziato dal Consorzio Esercenti di Shopville Le Gru.

Si parte il 18 giugno con il cantautore “italiano di Inghilterra” Jack Savoretti, definito da molti come “il nuovo Bob Dylan”, che presenta al GruVillage Written in Scars il suo quarto  album, uscito nel 2015. Il giorno seguente, il 19 giugno, il gigante della musica contemporanea Pat Metheny, uno dei più famosi e apprezzati chitarristi jazz a livello mondiale, si esibisce con una formazione d’eccezione composta dal quattro volte vincitore di Grammy Antonio Sanchez, considerato uno dei più importanti batteristi della sua generazione, da Gwilym Simcock, uno dei compositori più fantasiosi della scena europea, leader del super gruppo ‘The Impossible Gentlemen’ e dalla superlativa e giovanissima bassista australiana Linda Oh (unica data nel Nord-Ovest con questa formazione).

Correlato:  Giro 2015: la tappa torinese parte da piazza Solferino

Il 23 giugno arriva al GruVillage il fenomeno del momento, partito dal web con milioni di visualizzazioni, fino ad avere concerti gremiti di fan, un invito a Sanremo a duettare con Alessio Bernabei e un libro in vetta alle classifiche: Benji & Fede (un tour di sole cinque date sparse per l’Italia).

Il 1° luglio tocca al giovane rapper campano Rocco Hunt, con il suo Wake Up Tour. Il 5 luglio è la volta dei virtuosismi chitarristici dei G3, sigla che riunisce Joe Satriani, Steve Vai e The Aristocrats, il power trio più eclettico e adrenalinico della scena rock internazionale.

Il 7 luglio arriva Cyndi Lauper (due sole date in Italia): con più di cinquanta milioni di dischi venduti in tutto il mondo, un Grammy, un Emmy e un Tony, l’interprete statunitense torna in Italia con il Greatest Hits Tour per ripercorrere i 30 anni della sua incredibile carriera attraverso brani memorabili come l’inno femminista “Girls Just Want To Have Fun”, la delicata ballata “Time After Time“, la conturbante “She Bop”, l’intramontabile “True Colors”.

cindy lauper

Il 9 luglio un’altra serata tutta al femminile con Fiorella Mannoia: la cantautrice romana si esibisce in un concerto dedicato a Lucio Dalla, con canzoni tratte da “A te” l’album-tributo al celebre cantautore bolognese scomparso nel marzo 2012. Il 12 luglio arriva Fabri Fibra, uno dei rapper italiani più apprezzati, che torna con il rifacimento dell’album disco di platino ‘Tradimento’ per il suo decimo anniversario. Il 15 luglio Luca Carboni con il suo Pop-Up Tour 2016. Il 19 luglio vede il ritorno a grande richiesta – dopo il tutto esaurito del concerto tenutosi nella passata edizione del festival –  di Anastacia. La star statunitense forte di 85 milioni di dischi venduti in tutto il mondo, porterà a Torino il suo Ultimate Collection World Tour 2016.

Correlato:  Cosa fare a Torino nel weekend (6-7 maggio 2017)?

Il 21 luglio il palco del GruVillage viene invaso dal Sunshine Gospel Choir, uno dei cori gospel più dirompenti (60 elementi in scena), che si ispira artisticamente al carismatico Rev. Lee Brown. Il repertorio spazia dalle antiche work song, al gospel contemporaneo contaminato dall’hip hop.

Il 25 luglio protagonista la grande musica italiana con l’esibizione di BATTIATO e ALICE accompagnati dalla Ensemble Symphony Orchestra; in apertura della serata, anche Giovanni Caccamo. Il 26 luglio arrivano Elio e le Storie Tese: un mix esplosivo ed esilarante fatto di personaggi strambi, storie incredibili e canzoni memorabili nel Piccoli Energumeni Tour.

 

summer camp

Il 30 luglio Francesco De Gregori presenta, oltre ai suoi più grandi successi, alcuni brani estratti da Amore e Furto, l’ultimo disco in cui il cantautore traduce e interpreta, undici canzoni di Bob Dylan.

Fedele al suo scopo di essere un luogo d’incontro per Torino, uno spazio all’aperto dove è possibile sentirsi in vacanza nei mesi estivi pur rimanendo in città, il GruVillage si impegna a offrire una manifestazione di grande qualità con “piccoli prezzi” e un occhio di riguardo per il “green” e la promozione del territorio. Il festival ha infatti rinnovato una serie di convenzioni legate a cultura, turismo, sport e alla mobilità sostenibile con Turismo Torino e Provincia, Fondazione Torino Musei, il CUS Torino, GTT, iOguido, la rete d’impresa Taxi Torino. Il biglietto del festival servirà anche dopo gli spettacoli: permetterà di accedere a una serie di sconti legati alle visite cittadine, ai musei e i trasporti per raggiungere e tornare dal GruVillage, sia per i torinesi, sia per i “turisti della musica”, che possono approfittare anche di pacchetti turistici creati ad hoc da Booking Piemonte.

Correlato:  Quattro chiacchiere con Kiffa, il rapper che canta Torino

Le ricadute sul territorio, generate direttamente o indirettamente dalla manifestazione – possono essere stimate in circa 2 milioni di euro attraverso il coinvolgimento, nel team di produzione, di 28 aziende locali, con circa180 persone che lavorano a ogni concerto, compresa la macchina della produzione e promozione che precede gli spettacoli.

Non solo musica: a Le Gru è possibile sentirsi in vacanza con un’esperienza a 360° per tutti: di giorno, a disposizione di bimbi e famiglie tornano il Summer Camp e Gru Beach – quasi 10.000 mq di giochi, sport, intrattenimenti e una splendida piscina con solarium –, il tunnel del volo libero Fly Experience e di sera il meglio della musica live.

 

Roberto Mazzone

LEAVE A REPLY