Home Cronaca di Torino Un nuovo reparto per le malattie rare dei bambini al Regina Margherita

Un nuovo reparto per le malattie rare dei bambini al Regina Margherita

8
SHARE
Un nuovo reparto per le malattie rare dei bambini al Regina Margherita Torino
Un nuovo reparto per le malattie rare dei bambini al Regina Margherita Torino

Unico nel suo genere, con una struttura di oltre 700 mq per un investimento totale di oltre un milione e cinquecentomila euro, sta per aprire i battenti un reparto nuovo all’ospedale Infantile Regina Margherita di Torino : l’Isola di Margherita.

Questo nuovo reparto sarà dedicato all’incontro, alla condivisione e alla formazione per tutti coloro che vivono, direttamente e indirettamente, l’esperienza della malattia. E per malattia in questo caso si intendono bambini e/o ragazzi giovani affetti da patologie rare e spesso incurabili.

 

Gli spazi sono stati pensati per rendere la convivenza dei pazienti, e dei loro genitori che li assistono quotidianamente insieme al personale sanitario, il più sereno possibile.

Quest’obiettivo è attuabile dal fatto che gli ambienti sono dominati dai colori del mare, l’elemento naturale che meglio di altri trasmette una sensazione di benessere e tranquillità, ma allo stesso tempo di forza e vitalità.

Il fulcro del progetto è però l’acquario: in cui seguire numerosi pesci di colorazioni diverse volteggiare nell’acqua rendendo tutto il contesto quasi sublime, sicuramente un bel motivo di felicità per delle persone sfortunate ma che hanno il diritto di vedere quanto può essere meravigliosa la natura.

http://www.mole24.it/2016/05/25/un-reparto-le-malattie-rare-dei-bambini-al-regina-margherita/

Ma non è finita qua, sono presenti anche sei camere singole, dotate di bagno privato e una poltrona-letto per i familiari, un’area di svago e lettura all’ingresso del reparto attrezzata anche con una piccola biblioteca, una cucina ad uso dei genitori ed una sala di raccoglimento per il confronto comune.

Insomma, l’investimento fatto in questo caso è assolutamente da lodare e, speriamo, che possa anche contribuire a salvare qualche vita in più.

 

Luca Margaglione

Correlato:  Quale futuro per il Museo dello Sport?

 

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here