Home Innovazione Nasce a Torino “Easymove”, l’applicazione per condividere l’auto

Nasce a Torino “Easymove”, l’applicazione per condividere l’auto

14
SHARE
Nasce a Torino
Nasce a Torino "Easymove", l’applicazione per condividere l’auto

Rivalta, in provincia di Torino, vede la nascita di una nuova e utilissima applicazione: Easymove.

L’app nasce dall’inventiva di un team di ricercatori del Politecnico di Torino, che hanno concepito questa idea come un modo per condividere l’auto socialmente, conoscendo nuove persone e spostandosi in tutta sicurezza.

Usare “Easymove” è funzionale anche e soprattutto per la fascia serale e notturna, poiché va anche a soddisfare le esigenze di coloro che si spostano con i mezzi pubblici anche in orari in cui la Gtt non garantisce il suo servizio.

Gli aspetti positivi di questa innovazione non finiscono qui: l’applicazione permette di risparmiare ai fruitori e farà sì che si riducano le emissioni inquinanti, con la conseguenza che a guadagnarci sarà l’ambiente.

Il servizio di Easymove è attualmente disponibile solo nel week end, ma tra pochissimo sarà possibile usufruirne per tutti i giorni della settimana e su tutta l’area della città metropolitana.

Il Comune di Torino ha inoltre ho offerto il suo patrocinio, promuovendo l’iniziativa e annoverandola come possibilità di crescita della qualità del turismo. I turisti, secondo l’amministrazione comunale, godranno di un’esperienza migliore e potranno apprezzare maggiormente le bellezze di Torino e della provincia.

Il sistema utilizzato da Easymove permette inoltre di mettere in comunicazione le migliaia di utenti e di ottimizzare l’utilizzo dei mezzi per far risparmiare tempo e chilometri ai conducenti e ai passeggeri.

Questo esempio di imprenditoria giovanile dimostra che c’è possibilità di innovare apportando utilità alla città e creando occupazione.

 

Andrea Decorato

Commenti

Correlato:  A Torino l'ora esatta: l'Europa si affida all'Inrim per le rilevazioni

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here