Home Arte Riaprono le stanze della Regina Elena a Palazzo Reale

Riaprono le stanze della Regina Elena a Palazzo Reale

455
SHARE

Dieci stanze di grande fascino che è possibile riscoprire con le visite guidate degli Amici di Palazzo Reale ogni venerdì, sabato e domenica, dal 6 maggio al 26 giugno.

Affreschi dai temi mitologici, stucchi dorati, parati in seta cinese, porcellane, cristalli e un prezioso pavimento in marmi policromi: a Palazzo Reale, tornano a essere visitabili le stanze abitate dalla Regina Elena durante i suoi soggiorni a Torino, nei primi decenni del Novecento.

Palazzo Reale stanza3-2 guidobono

Collocati al piano terra della residenza, questi ambienti sono stati abitati fino alla seconda guerra mondiale, ma la loro origine risale alla fine del Seicento, quando Vittorio Amedeo II destina l’appartamento alle sue figlie.

Nel 1769, Ignazio Birago di Borgaro realizza il terrazzo a gradinate che si affaccia sui Giardini Reali e conferisce nuovo prestigio alle sale che, a fine Settecento accolgono la principessa Madama Felicita di Savoia, sorella del regnate Vittorio Amedeo III. Per lei intervengonol’architetto di corte Giuseppe Piacenza e Giuseppe Maria Bonzanigo, il quale inserisce nuovi elementi d’arredo.

Molte le personalità importanti che hanno soggiornato in questo appartamento: ai tempi di Napoleone I, vi alloggia il governatore di Torino; nel 1857 l’Imperatrice Alessandra di Russia, vedova di Nicola I, e dal 1890 Maria Letizia Napoleone, Duchessa d’Aosta.

Di grande fascino e di gusto già “borghese” la sala da bagno, decorata da delicati acquerelli eseguiti da Emma Biscarra, pittrice specializzata in fiori, appartenente a un’importante famiglia di artisti attivi a Torino nel XIX secolo.

bagno

Lungo il percorso, il dipinto di Edoardo Tofano che ritrae la Regina Elena, originaria del Montenegro, donna di grande cultura, appassionata di viaggi e fotografia. Sposa per amore di Vittorio Emanuele III nel 1896, Elena di Savoia è stata una delle sovrane più amate dal popolo per la sua profonda umanità e per il suo impegno in numerose iniziative caritatevoli.

Biglietti (presso Palazzo Reale, Piazzetta Reale 1, Torino)

intero Euro 4, ridotto Euro 2

gratuito per i possessori di Abbonamento Musei e secondo le gratuità di legge

Orari partenze visite dal venerdì alla domenica: 10, 11, 12, 15, 16, 17

Le visite non si effettuano il 2 e il 24 giugno

Commenti

SHARE
Previous articleUna mostra in fabbrica sulle immigrazioni di ieri e di oggi
Next articleCityteller Torino: scoprire la città grazie alle citazioni letterarie dei libri
Laureato in Scienze della comunicazione con un Master in Informazione, New Media e comunicazione plurimediale, conseguito nel 2012. Giornalista pubblicista, grande appassionato di teatro, inizia a frequentarlo come spettatore, e dal 2003 in qualità di operatore dell’informazione e critico teatrale, collaborando con numerose testate e webzine di settore, specializzandosi soprattutto nel teatro musicale. Giornalista pubblicista, è inoltre membro dell’Associazione Nazionale Critici di Teatro e fa parte della giuria di PrIMO, il Premio italiano per il musical originale, ideato da Franco Travaglio.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here