Home Crimini&Delitti 21 aprile 1846: a Torino è condannato a morte Colombano Piano, assassino...

21 aprile 1846: a Torino è condannato a morte Colombano Piano, assassino del cognato per motivi di interesse

6
SHARE
21 aprile 1846: a Torino è condannato a morte Colombano Piano, assassino del cognato per motivi di interesse
21 aprile 1846: a Torino è condannato a morte Colombano Piano, assassino del cognato per motivi di interesse

Il 21 aprile 1846, il Senato (futura Corte d’Appello) di Torino, sotto la presidenza del conte e commendatore Leonzio Massa-Saluzzo, condanna a morte Colombano Piano, del vivente Giuseppe, contadino di 32 anni, nato a Monasterolo Casotto (Cuneo). Piano è accusato di barbaro, proditorio e premeditato assassinio del soldato disertore Giovanni Antonio Berretta, di Lisio, suo cognato.

L’assassinio è stato commesso con la complicità con due individui, nella notte del 7 gennaio 1843, sulla strada che unisce Pamparato a Monasterolo Casotto: un fosco delitto maturato in ambito familiare per motivi di interesse.

Piano, in vista del mortale agguato, aveva invitato il cognato Berretta a recarsi con lui a Pamparato. Nella sera stavano rientrando. Erano così giunti nel luogo scelto per l’aggressione, dove due complici li stavano aspettando. A questo punto, Piano e i suoi due compari avevano assalito Berretta e lo avevano ucciso con ripetuti colpi di coltello. Dopo, avevano spogliato il cadavere e lo avevano gettato in un gorgo del vicino rio, dopo avergli staccato la testa, per impedirne il riconoscimento. Sempre a questo scopo, avevano fatto a pezzi i vestiti della vittima e li avevano sotterrati.

21 aprile 1846: a Torino è condannato a morte Colombano Piano, assassino del cognato per motivi di interesse
21 aprile 1846: a Torino è condannato a morte Colombano Piano, assassino del cognato per motivi di interesse

Non erano riusciti nel loro intento.

Il corpo di Berretta viene ritrovato nel pomeriggio del 28 marzo successivo.

La perizia medica accerta sei ferite inferte con un’arma pungente e tagliente, una di queste è stata mortale perché ha attraversato il cuore e il diaframma. Viene anche rinvenuto il suo capo, lungo la riva dello stesso rio, alla distanza di 150 trabucchi (450 metri circa) più a valle rispetto al punto di ritrovamento del corpo.

Motivo di tutto questo scempio la volontà di Piano di carpire l’eredità di Berretta. La sentenza non fornisce ulteriori chiarimenti al riguardo.

La giustizia concentra la sua attenzione su Colombano Piano, parente della vittima. Piano viene arrestato a Monasterolo Casotto e, nella sera del 31 marzo, la forza pubblica lo scorta a Mondovì per rinchiuderlo nelle carceri.

21 aprile 1846: a Torino è condannato a morte Colombano Piano, assassino del cognato per motivi di interesse
21 aprile 1846: a Torino è condannato a morte Colombano Piano, assassino del cognato per motivi di interesse

Durante il percorso, nel territorio di San Michele, Piano si precipita all’improvviso dal ponte di Groglio nel rio sottostante, da una altezza di tre trabucchi e tre piedi. Riporta una frattura completa dell’avambraccio sinistro, accompagnata da emottisi e dolori al torace con commozione dei visceri toracici, guarita in 40 giorni mediante cura.

Questo tentativo di suicidio (che diverrà per Piano un secondo capo di accusa), appare come una confessione. Ma in realtà il processo sarà celebrato soltanto tre anni più tardi, nel 1846.

Perché? Forse la giustizia vuole catturare anche i suoi complici. In effetti, nel 1846, il Senato di Torino processa oltre a Piano, anche Carlo Mazzucco, nato in Agliè e abitante a Monasterolo, oste e gabelliere di 44 anni, indicato come complice di Piano nell’assassinio di Berretta. Il terzo complice è rimasto sconosciuto.

Quando il Senato di Torino esamina la loro causa, Piano e Mazzucco restano rinchiusi nelle carceri di Mondovì. I giudici non ritengono di doverli interrogare. La sentenza del 21 aprile 1846 assolve Mazzucco e condanna Piano a morte.

Colombano Piano è impiccato a Mondovì il 2 maggio 1846, con l’assistenza della locale Confraternita della Misericordia.

G. T.

Commenti

Correlato:  "Delitti & Misteri": l’omicidio di Vocca (Varallo Sesia)

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here