Home Storia Il significato di Cerea, il ciao piemontese

Il significato di Cerea, il ciao piemontese

6028
SHARE
Il significato di Cerea, il ciao piemontese
Il significato di Cerea, il ciao piemontese

Sabato 5 Maggio alle ore 21 non perdete l’occasione di partecipare al tour

“Sei di Torino se…”

Una passeggiata di 2 ore per il centro città che ci porterà alla scoperta  delle tante tradizioni, modi dire e curiosità della nostra Torino!

Clicca qui per informazioni

____________________________________________________

Il significato di Cerea, il ciao piemontese: storia, derivazioni e curiosità di questo saluto

In primis, cerea! Ma perché proprio “cerea”? Quali le origini di una delle parole piemontesi per antonomasia?

Il termine che in dialetto piemontese sostituiva o si alternava al nostro attuale “ciao” o “buongiorno”, sembra portarsi dietro due possibili derivazioni. Una risale ai greci, l’altra è più vicina ai tempi odierni.

Prima di continuare però è meglio precisare come il termine, in più al “ciao” odierno, ha dalla sua anche una riverenza che il classico piemontese ha cura di dare nei rapporti interpersonali. Insomma, amico di tutti amico di nessuno.

 La possibile origine greca di questa parola e gli altri significati

Ritornando all’etimologia della nostra parola, il riferimento al greco arriva dalla palese somiglianza con la parola caireo che in greco significa difatti “buongiorno” ma anche “gioisco”; strascico dell’influenza greco-bizantina rimasta nel Bel Paese a seguito della caduta dell’Impero Romano d’Occidente.

L’altra alternativa, e non sta a noi dire se più o meno pertinente, è la contrazione e modifica dall’uso comune della frase “saluto alla signoria vostra”, dove proprio il “signoria” viene ripreso e riadattato per un uso più rapido e funzionale divenendo “sereia” o “serea”.

….as veduma!

@Damiano Grilli

 

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here