Home Enogastronomia Il Vermouth Martini ritorna a casa

Il Vermouth Martini ritorna a casa

13
SHARE
Torino, Il Vermouth Martini ritorna a casa.
Torino, Il Vermouth Martini ritorna a casa.

Dopo tante parole e righe spese per cercare di fermare la fuga dei cervelli che lasciano l’Italia in cerca di vita migliore, dopo le numerosissime aziende italiane che vanno all’estero per gli stessi motivi, ecco qua a vedere che sta accadendo il contrario. Per una volta.

La Bacardi, proprietaria del sabaudo marchio Martini&Rossi ha deciso di trasferire a Torino, casa natale del Vermouth, nello stabilimento di Pessione di Chieri tutta la produzione del famoso aperitivo destinata al mercato europeo.

Complice la crisi dei consumi che ha colpito con forza anche il settore degli alcolici ed affini, presto la fabbrica di Pessione sarà rafforzata in modo da poter sopperire alla produzione ed alla richiesta che restano comunque alte.

Torino, Il Vermouth Martini ritorna a casa.
Torino, Il Vermouth Martini ritorna a casa.

Il nuovo assetto prenderà vita nelle prossime settimane e pare che avverrà in concomitanza con la presentazione del nuovo formato della bottiglia che avrà luogo, con un grande evento, proprio sulla collina torinese, sulle terrazze di Pessione.

Ma ogni medaglia ha due facce e, per un grande marchio che torna a casa e potenzia uno stabilimento, c’è una fabbrica che chiude i battenti: infatti, a pagarne le spese è la fabbrica di Mollet, situata nei pressi di Barcellona che conta, o meglio, contava circa 80 operai che adesso rischiano di perdere il posto. Proprio a questo proposito, i vertici di Bacardi affermano di avere una soluzione pronta per far fronte a questo rischio e cercare di garantire a tutti la possibilità di continuare a lavorare, attraverso operazioni di ricollocamento in Spagna o, offrendo l’alternativa di trasferirsi a Torino.

A quanto pare, qualcuno ha accettato di buon grado il trasferimento e quindi non ci resta che preparare la festa di bentornato per il nostro Vermouth e quella di benvenuto per i nuovi figli adottivi della nostra città.

Correlato:  A ogni vino il suo bicchiere

 

Francesco Esposito

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here