Home Territorio Parigi/Torino, Eiffel/Antonelli Torre/Mole: due simboli coetanei!

Parigi/Torino, Eiffel/Antonelli Torre/Mole: due simboli coetanei!

105
SHARE
Parigi/Torino, Eiffel/Antonelli Torre/Mole: due simboli coetanei!
Parigi/Torino, Eiffel/Antonelli Torre/Mole: due simboli coetanei!

Due simboli, due monumenti, due icone che prendono il nome dal proprio costruttore, molto diverse tra loro ma…coetanee!

Da un lato abbiamo un monumento, eretto in occasione di un Esposizione mondiale, che doveva essere provvisorio, ma che poi, visto il successo di pubblico, si è deciso di non demolire per renderlo a tutti gli effetti un simbolo nazionale.

Dall’ altro lato abbiamo una ex sinagoga iniziata, interrotta, venduta e completata, divenuta anch’ essa un’ icona al punto tale di meritarsi una comparsa sulle monete da 2 centesimi di Euro.

La torre e la Mole: i due 127enni coetanei

 

Parigi/Torino, Eiffel/Antonelli, ferro/mattoni, 167/324 metri ; così diverse ma cosi uguali al punto di condividere anche l’ età!
I due monumenti, infatti, sono stati inaugurati entrambi nel 1889 e a pochissimi giorni di distanza: la torre ha qualche giorno di attività in più, è stata infatti inaugurata il 31 Marzo, mentre la Mole ha aperto le proprie porte 10 giorni dopo ovvero il 10 Aprile.

Torino/Parigi un legame sempre forte tra le due città: i Savoia hanno sempre prediletto i rapporti con i sovrani francesi e questo si rifletteva anche sulla struttura di Torino, all’ epoca capitale del Regno.

Non è inusuale ritrovare “pezzi” di Parigi a Torino proprio perché i contatti e le influenze culturali con il vicino d’oltralpe sono sempre stati molto forti.
Eiffel e Antonelli ovvero due modi di vivere l’ architettura : il francese sempre alla ricerca di nuove ispirazioni e invenzioni (per la famosa torre si ispirò alla galleria Vittorio Emanuele II a Milano) l’ italiano più legato al suo territorio e le sue opere si trovano tutte in Piemonte.

La torre e la Mole: i due 127enni coetanei

Le strutture delle tue torri sono completamente diverse: la struttura parigina è tutta in ferro, e la sua elevazione è stata un’ innovazione nelle tecniche da costruzione, la mole è la perfezione di metodologie costruttive già conosciute ma che hanno permesso di costruire una delle strutture in murature più alte d’ Italia.

Correlato:  Il Giardino della Principessa: alla scoperta di fiori dimenticati

L’altezza: i 324 metri della torre Eiffel la rendono uno dei monumenti più alti del mondo e ovviamente di Parigi.

La Mole non può competere a livello mondiale con la sua altezza (anche se prevale su edifici molto famosi come il palazzo Lombardia) ma da poco tempo ha anche perso il primato cittadino: con la costruzione dei nuovi edifici il primato dell’ altitudine è passato di mano anche se il simbolo della città resta sempre e comunque “la antonelliana”.
Così diversi, ma così vicini: 127 anni storia che hanno attraversato all’ unisono a 775 chilometri di distanza, in due paesi diversi, in due città diverse ma sempre nello stesso contemporaneo minuto.

 

Alessandro Rigitano

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here