Home Cronaca di Torino Gara pubblica di concessione per l’Imbarchino, ci siamo vicini

Gara pubblica di concessione per l’Imbarchino, ci siamo vicini

7
SHARE

E’ notizia fresca della metà di marzo di quest’anno quella preci finalmente verranno avviate le pratiche per mettere in atto una gara di concessione pubblica per la struttura dell’Imbarchino. Tale proposta, voluta fortemente dall’Assessore al Patrimonio, Gianguido Passoni, riguarderà la cessione della proprietà comunale (nota come Imbarchino), che si trova vicino al Borgo Medievale del Valentino e che si affaccia sul Po.

Il nome particolare della struttura si deve all’utilizzo a cui un tempo era adibita, ossia quello di postazione per il carico-scarico delle merci e delle persone dalle barche; da molto a tempo a questa parte, l’Imbarchino è però noto come luogo di ricreazione e di ristorazione, grazie anche alla sua imponente struttura basata su due fabbricati e dotata di scalinata che scende verso il fiume.

L’intera proprietà risulta comunale e coloro che avranno la possibilità di ottenerne la concessione, avranno anche l’opportunità di creare un luogo di ritrovo e svago senza precedenti, che oltre a tutte le comodità e le attività sociali più comuni dovrà garantire anche uno spazio per lo studio e per il lavoro telematico, con un’essenziale connessione Wi-Fi gratuita, al fine di conciliare gli studenti e i lavoratori, nonché di arricchire l’offerta del luogo.

26.000€ è il valore attualmente posto al canone annuale complessivo, per una cessione della durata di dodici anni, con manutenzione ordinaria e straordinaria a carico del concessionario.

Colui che si vorrà aggiudicare la gara dovrà portare un progetto concreto, vicino alle idee originali sopra citate e alle quali il nuovo Imbarchino mira per il prossimo futuro.

Francesca Palumbo

Commenti

Correlato:  Università e lavoro: la dura lotta del laureato disoccupato

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here