Home Territorio Un anno dall’apertura del “nuovo museo Egizio”, vanto della città di Torino

Un anno dall’apertura del “nuovo museo Egizio”, vanto della città di Torino

3
SHARE
Un anno dall'apertura del
Un anno dall'apertura del "nuovo museo Egizio", vanto della città di Torino

E’ passato un anno dall’inaugurazione del nuovo Museo Egizio avvenuta il 1°aprile 2015.

E dal giorno dell’apertura il successo di uno dei principali musei cittadini di Torino è stato inarrestabile, macinando record su record in termini di visitatori e appeal, non sono in Italia, ma nel mondo.

Merito non solo della lungimiranza e della competenza del nuovo giovane direttore Christian Greco, ma anche della professionalità e dedizione dei tanti dipendenti che ogni giorno lavorano all’interno della sede di via delle Accademie delle Scienze che rappresentano il vero valore aggiunto del museo.

Non c’è quindi da meravigliarsi che in un anno dall’apertura siano stati 940 mila i visitatori che hanno ammirato le bellezze ed i reperti egizi all’interno del del museo, con la previsione di arrivare ad un milione entro la fine del mese in corso.

Il direttore Christian Greco
Il direttore Christian Greco

Ma gli obiettivi per i prossimi anni sono ancora più ambiziosi. Intervistato dal quotidiano  La Stampa, il direttore Christian Greco ha comunicato di  voler nei prossimi dieci anni diventare il centro vitale dell’Egitto nel mondo, grazie anche ai nuovi ed  importanti accordi firmati con le principali Università d’Europa e del mondo, come Los Angeles e Oxford, che prevedono l’arrivo di egittologi lavorare all’interno del museo.

Insomma , il nostro Museo Egizio non si siede sui successi di questo primo anno, ma è già proiettato alla crescita del futuro.

Per festeggiare il compleanno, oggi le porte chiuderanno alle ore 23, e dalle 18.30 il biglietto costerà la metà: 7.50 euro.

 

La Redazione di Mole24

Commenti

Correlato:  Torna Royal White alla Reggia di Venaria: tutti i dettagli

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here