Home Innovazione Da Marzo a Torino c’è WOW FI, il wi fi condiviso in...

Da Marzo a Torino c’è WOW FI, il wi fi condiviso in città

7
SHARE

Quasi tutti ormai abbiamo familiarità col concetto di wi-fi: quella tecnologia che ci consente di collegare i nostri dispositivi (smartphone, tablet, pc, etc) ad una periferica compatibile (una stampante wi-fi per esempio), alla rete internet di casa o ad una pubblica.

Spesso però collegarsi ad una rete libera non è agevole, viene richiesta un’autenticazione (con conseguente registrazione), e la navigazione risulta lenta o instabile. Ovviamente è sempre possibile utilizzare la rete mobile, in base al tipo di contratto sottoscritto con la propria compagnia di telefonia mobile e possibilmente nel rispetto delle soglie concordate, per evitare di far lievitare il canone mensile. Come risparmiare i preziosi gigabyte di traffico? Semplice, portandosi dietro l’abbonamento di casa.

 

navigare dallo smatphone
navigare dallo smatphone

 

Dal mese di Marzo è disponibile anche a Torino il servizio Wow Fi di Fastweb: in pratica una comunità tra i clienti della stessa azienda finalizzata a fornire a tutti loro un collegamento ad internet dovunque si trovino. Vediamo come funziona.

Tutti gli utenti che aderiscono mettono a disposizione una parte della loro banda, ricevendo in cambio una username e una password che permettono di collegare fino a quattro dispositivi alla rete Wow Fi. Fatto ciò sarà possibile collegarsi al web con questi dispositivi non solo in qualunque punto di Torino (ammesso che il segnale prenda, ovviamente) ma anche in ogni città coperta dal servizio, senza limiti ne di tempo ne di utilizzo; basta ricercare la rete e connettersi, esattamente come con quella domestica.

 

spot di WOW FI
spot di WOW FI

 

Wow Fi è già disponibile in molte province d’Italia ed entro la fine del 2016 dovrebbe esserlo in tutti i comuni raggiunti dai servizi Fastweb. Va precisato che, benchè la stessa azienda garantisca che la banda condivisa non rappresenti alcun pericolo, né per la privacy né per le prestazioni della propria rete, è sempre possibile scegliere di non aderire al servizio. Va da sé che in questo modo non ne potrete nemmeno usufruire.

Correlato:  Docsity, il sito torinese che ha rivoluzionato il mondo universitario

Un analogo servizio (anch’esso già attivo a Torino) viene erogato dalla Vodafone, che con la sua Wi Fi Comunity fornisce i medesimi vantaggi, permettendo ai propri clienti di collegare alla rete condivisa fino a 3 dispositivi e di sfruttarne i vantaggi addirittura all’estero.

 

Daniele De Stefano

seguiteci su facebook

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here