Home Cronaca di Torino Continua la guerra tra i tassisti e la multinazionale Uber

Continua la guerra tra i tassisti e la multinazionale Uber

4
SHARE
Continua la guerra tra i tassisti e la multinazionale Uber
Continua la guerra tra i tassisti e la multinazionale Uber

Uber, molti la utilizzano per la sua convenienza e molti la odiano per lo stesso motivo. Questi ultimi sono i tassisti, i quali si vedono “rubare” in tutto il mondo un numero sempre più alto di clienti attratti da prezzi vantaggiosi.

 

Per il 18 marzo è stato proclamato uno sciopero generale, al quale sono attesi a Roma più di 10.000 autisti da tutta Italia, e non mancherà una nutrita rappresentanza proveniente da Torino.

La protesta è “contro la deregolamentazione del settore – spiegano i sindacati – che favorirebbe oligopoli e multinazionali a discapito del servizio pubblico”. Ma la lotta comprende tutto il mondo, Londra, ad esempio, ha visto l’invasione di 8 mila “Black Cab” in una delle arteria principali della città, ovvero Whitehall. Ed anche a Parigi ci sono state manifestazioni che sono sfociate anche in violenza urbana, nella capitale francese 1500 vetture hanno bloccato gli accessi agli aeroporti di Charles de Gaulle e Orly.

 

Siamo solo all’inizio di uno scontro che, apparentemente, sembrerebbe il classico Davide contro Golia, ma molte città vedranno, o hanno già visto, bloccate le loro arterie più importanti e c’è da pensare che questo sia solo l’inizio.

Luca Margaglione

(SEGUITECI SU FACEBOOK!)

Commenti

Correlato:  Torino, salta l'edizione 2017 della Cena in Bianco

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here