Home Arte Le Gru diventa una “galleria aperta”

Le Gru diventa una “galleria aperta”

3
SHARE
Massimiliano Petrone

In continua trasformazione, Shopville Le Gru, a Grugliasco, è diventata una vera e propria galleria  d’arte grazie a “Pensiero Libero”, progetto promosso dall’Associazione torinese On Design Art Society.

Più di 80 gli artisti emergenti coinvolti in questa iniziativa che esporranno a rotazione le proprie opere fino a ottobre 2016. Ogni settimana l’area eventi al primo piano del Centro Commerciale ospiterà l’arte di tre giovani talenti che nel week end saranno a disposizione per illustrare le proprie opere ai visitatori mostrando loro le tecniche pittoriche, scultoree e fotografiche.

L’idea che sta alla base del progetto “Pensiero Libero” è quella di rendere “la bellezza” fruibile a tutti e portare l’arte fuori daiconfini dei luoghi solitamente ad essa deputati. Contestualmente, la presenza degli artisti nel luogo dell’esibizione contribuisce ad arricchire l’iniziativa di un aspetto di “educazione all’arte” molto importante.

“Pensiero Libero” si inserisce in un progetto più ampio che rende il visitatore parte attiva dell’opera stessa. Ogni settimana infatti, l’associazione On Design Art Society invierà dei fotografi a immortalare i visitatori della galleria con delle polaroid che andranno a costruire un’unica opera che verrà esposta a conclusione dell’iniziativa proprio a Le Gru:  dunque, un progetto di arte condivisa.

MAX_PETRONE

Questa settimana prosegue la fortunata collaborazione con Massimiliano Petrone, pittore e street artist torinese che l’anno scorso ha offerto al pubblico di Le Gru due live painting e ha firmato l’immagine dell’edizione 2015 del GruVillage.

Venerdì 11 marzo a partire dalle ore 15,00 e domenica 13 marzo dalle ore 10.00  l’artista trasformerà nuovamente la ristrutturazione di un negozio in una performance, dipingendo una superficie di 72 metri quadrati in due tappe: nella prima, realizzerà una versione del logo del centro commerciale nel suo stile, dando nuova linfa alla gru che lo rappresenta; nella seconda, l’artista, ispirandosi alla sua ultima serie di lavori intitolata Icons, realizzerà una sequenza di volti di icone musicali; una sorta di anteprima del GruVillage 2016. L’opera resterà visibile per tutto il periodo della ristrutturazione.

Correlato:  Arte, finanza e politiche culturali a Palazzo Madama

Inoltre, fino a domenica 13 marzo interverranno a rotazione Mauro Cherubini e Alessandra Melargo (pittura), Letizia Savino (carta). Da lunedì 14 a domenica 20 marzo esporranno invece Galliano/Gallo (pittura astratta), Carla Musolino (astratta materica), Cristina Pellegrino (illustrazione e pittura).

 

Roberto Mazzone

Commenti

SHARE
Previous articleMarzo a Torino: dall’Oriente all’Irlanda
Next articleI bus sono anche in anticipo, ma il problema è lo stesso
Laureato in Scienze della comunicazione con un Master in Informazione, New Media e comunicazione plurimediale, conseguito nel 2012. Giornalista pubblicista, grande appassionato di teatro, inizia a frequentarlo come spettatore, e dal 2003 in qualità di operatore dell’informazione e critico teatrale, collaborando con numerose testate e webzine di settore, specializzandosi soprattutto nel teatro musicale. Giornalista pubblicista, è inoltre membro dell’Associazione Nazionale Critici di Teatro e fa parte della giuria di PrIMO, il Premio italiano per il musical originale, ideato da Franco Travaglio.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here