Home Innovazione Crescita record di brevetti italiani del 9%, Torino è la seconda città...

Crescita record di brevetti italiani del 9%, Torino è la seconda città più attiva

3
SHARE
Palazzo dell'Epo
Palazzo dell'Epo

Anche se L’Italia è da sempre considerata terra di artisti e poeti, il nostro popolo non manca certamente di fantasia nemmeno quando si parla di innovazione: storicamente il bel paese ha dato i natali ad alcuni dei più grandi inventori e pensatori.

Benchè la crisi economica che negli ultimi anni ha investito il mondo intero (e nello specifico il nostro paese) abbia sicuramente costituito un ostacolo per gli intelletti nostrani, le notizie più recenti indicano un’inversione di tendenza che lascia ben sperare.

 

Logo European Patent Office
Logo European Patent Office

 

E’ quanto si evince dai dati diffusi dai rapporti annuali dell’ European Patent Office (EPO), l’ufficio europeo dei brevetti, che affermano che dall’Italia nel 2015 gli sono pervenute 3979 richieste, il 9% in più rispetto al 2014; un dato doppiamente importante, perché oltre a rappresentare quasi il doppio della media globale (il cui valore attuale è +4.8%), indica un repentino cambio di rotta per l’andamento del nostro paese, che negli ultimi 4 anni aveva visto decrescere progressivamente di anno in anno la richiesta di brevetti. Questa incremento inoltre ci porta a salire dall’undicesimo al decimo posto nella classifica del numero di istanze dei differenti paesi.

Volendo stilare una graduatoria di creatività tra le varie regioni italiane, al primo posto si colloca la Lombardia con il 33% del totale nazionale di richieste all’EPO; seguono l’Emilia-Romagna col 15%, il Veneto col 13% ed il Piemonte al quarto posto con il 9.8%.

 

idea

 

Se invece facciamo riferimento alle singole città scopriamo che Torino si piazza al secondo posto della classifica, avendo presentato domanda nell’anno passato di un totale di 272 brevetti. Al primo posto, con parecchie lunghezze di vantaggio, troviamo Milano, che ne ha richiesti ben 809. Seguono invece Torino le città di Roma con 226 e Bologna con 209.

Correlato:  Il museo del Cinema premiato per l'innovazione allo Smau

Spostando invece l’attenzione sulle aziende italiane, la più attiva nel settore della ricerca è la Indesit, con 107 richieste. E si può dire che anche in questo caso Torino si classifica seconda: la Fiat infatti segue l’azienda marchigiana a quota 84.

 

Daniele De Stefano

seguiteci su facebook

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here