Home Ambiente Torino – Cuneo – Nizza: una delle tratte ferroviarie più belle del...

Torino – Cuneo – Nizza: una delle tratte ferroviarie più belle del mondo

11397
SHARE
Torino – Cuneo – Nizza: una delle tratte ferroviarie più belle del mondo
Torino – Cuneo – Nizza: una delle tratte ferroviarie più belle del mondo
Tempo di lettura: 1 minuto

Torino – Cuneo – Nizza: una delle tratte ferroviarie più belle del mondo

 

Un’altra classifica mondiale vede il Piemonte nei primissimi posti. Il nono per essere precisi. La rivista tedesca Horzu premia la ferrovia che collega Torino a Nizza, passando per Cuneo, che è ufficialmente entrata a far parte delle prime dieci tratte ferroviarie più belle del mondo.

“Bel percorso di due ore, al prezzo di 15 euro”, così viene definito il tragitto, che attraversa le Alpi Marittime e si dirama tra strapiombi, gallerie e paesaggi spettacolari che osano competere, e non avere niente da invidiare a treni storici e rotte super lussuose provenienti da ogni parte del mondo.

Prima in classifica la Transcanadese (4500 km tra l’Atlantico ed il Pacifico), medaglia d’argento per la Bangkok – Singapore e terza posizione per la Royal Scotsman che parte da Edimburgo a bordo di carrozze d’epoca: seguono l’Orient Express, che collega Londra ad Istanbul con tappa a Venezia e la Hiram Bingham che unisce Cuzco a Macchu Picchu, in Perù. Grandi nomi e luoghi, ricchi di storia, segreti e paesaggi incantati.

 

Per quanto riguarda i nostri treni, nonostante i ritardi e le lunghe attese in stazione, a volte ne vale davvero la pena: essere noni, dietro questi grandi nomi e paesaggi, rimane un onore e dimostra come, benché breve, in sole due ore e con un piccolo investimento, si possa vivere un’esperienza indimenticabile ed ammirare splendidi paesaggi che il nostro Paese non nasconde e regala ai viaggiatori che amano stare con il naso schiacciato sul finestrino.

Correlato:  Apre a Torino il primo liceo della danza: in arrivo 17 nuovi corsi dall'anno 2019/20

Un percorso unico e stupefacente, di quelli che restano nella memoria e che adesso, anche chi lo percorre abitualmente per i più svariati motivi, sarà guardato con un occhio diverso, di quelli che si riservano alle opere d’arte.

 

Francesco Esposito



Commenti

SHARE