Home Cronaca di Torino Corso Giulio Cesare: arriva il primo ufficio postale multietnico

Corso Giulio Cesare: arriva il primo ufficio postale multietnico

7
SHARE

Anche le Poste si evolvono in favore della nuova Torino, quella multietnica, che ha il suo cuore pulsante nel quartiere di Porta Palazzo.

Proprio lì, e più precisamente in Corso Giulio Cesare 7, è stato aperto il primo ufficio postale multilingue della Regione. In questa sede delle Poste Italiane i clienti sono stranieri per il 90%: logica, dunque, la necessità di andare loro incontro perché possano sfruttare al meglio le funzionalità dell’Ufficio Postale.

Prima, invece, molti degli stranieri che si presentavano agli sportelli avevano difficoltà nell’interagire con gli impiegati, e questo rallentava anche il loro processo di integrazione.

L’ufficio postale mette a disposizione quattro lingue straniere agli sportelli. Si tratta dell’arabo, dell’inglese, del francese e dello spagnolo, ovvero gli idiomi parlati da un’altissima percentuale di stranieri a Torino.

Tra gli impiegati assunti proprio per interagire con chi ha difficoltà con l’italiano c’è una ventiquattrenne marocchina, Amina Abbioui, laureata in scienze internazionali. Insieme a lei, agli sportelli, un altro ragazzo marocchino, un’ecuadoregna e una svizzera, che vanno a integrare la squadra di impiegati storici dell’ufficio postale.

Multilingue anche le diciture, come il “Welcome”  sulla porta o i tasti dell’apparecchio con cui ci si può mettere in coda: la scelta, qui, non avviene rispetto al servizio, ma rispetto alla lingua in cui si vuole interagire con l’impiegato allo sportello. I risultati sono molteplici e tutti positivi: meno incomprensioni, code più rapide e clienti più soddisfatti. Tutti quanti.

Giulia Ongaro

Commenti

Correlato:  Torino e San Pietroburgo amici (non solo) per due anni

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here