“Non uccidere”: la nuova fiction Rai ambientata a Torino

“Non uccidere”: la nuova fiction Rai ambientata a Torino

123
SHARE
"Non uccidere": la nuova fiction Rai ambientata a Torino

Misteri da risolvere in 12 episodi, tutti dall’anima thriller sotto i cieli di Torino.

La nuova fiction targata Rai 3 arriva in prima serata il sabato sera. “Non uccidere” è interpretata dall’ex Miss Italia, Miriam Leone, già protagonista della “Dama velata”. Nelle vesti di investigatrice si muoverà sugli scenari più suggestivi della capitale subalpina, conosciuta per i suoi caratteri misteriosi e le scenografie immortalate da molti film di successo, a partire dalle prime pellicole degli Anni Settanta del regista horror per eccellenza, Dario Argento.

Ancora una volta Torino viene scelta per raccontare trame occulte e casi dai contorni intricati.

Nella fiction Rai, per la regia di Giuseppe Gagliardi, che ha firmato la serie di successo “1992” su Sky, si vedranno per ogni episodio un racconto diverso che scava nella psicologia della protagonista Miriam Leone, nei panni dell’ispettore di polizia Valeria Ferro, con un intuito fuori dal comune, agilissima a districarsi in casi difficili.

Ogni puntata un’indagine nuova che porterà la giovane a indagare su mondi differenti. Tanti delitti ambientati in luoghi chiusi.

Da un monastero a una comunità prevalentemente musulmana. Luoghi che vivono a sé ma che porteranno la detective sulle tracce dell’assassino. Sullo sfondo i palazzi storici, le vie del centro, la storia che si respira in ogni scena girata della Torino di oggi.

"Non uccidere": la nuova fiction Rai ambientata a Torino
“Non uccidere”: la nuova fiction Rai ambientata a Torino

La fiction è stata fortemente voluta nel capoluogo piemontese proprio per rilanciare il comparto della produzione televisiva, che ebbe i suoi albori proprio in città. Un settore che si sta rivalutando grazie a nuove importanti produzioni cinematografiche, anche internazionali, che scelgono la città come set delle riprese per le sue sfumature suggestive.

Correlato:  A Torino il Sottodiciotto Film Festival si mette in gioco

Un rilancio anche per gli studi Virtual e Multimedia Park di corso Lombardia, più conosciuti come Lumiq Studios.

Nel cast anche l’attrice Monica Guerritore. La fiction è coprodotta da RaiFiction, Centro produzione Rai Torino e Freemantle. La direttrice di Rai Fiction Eleonora Andreetta nella scelta di Torino ha spiegato: “Un piccolo miracolo aver fatto rinascere le capacità professionali di tecnici e delle persone che lavorano in questo centro di produzione insieme alle capacità produttive e industriali della città di Torino. E’ una rinascita di qualcosa che apparteneva alla città e alla Rai che si era perso”.

E ha proseguito: “Torino è un luogo che si porta il giallo nel dna. Autori come Carlo Fruttero e Lucentini o Margherita Oggero, sono simboli del racconto crime e questa operazione che racconta Torino nella sua varietà è nella politica di Rai Fiction aver riportato l’Italia e le sue diversità al centro dei suoi racconti”.

Marina Rissone

LEAVE A REPLY