Il cambiamento di Torino visto dall’alto

Il cambiamento di Torino visto dall’alto

0
SHARE

Da oggi, 28 gennaio, presso Urban Center Metropolitano (piazza Palazzo di Città 8/f – Torino),, è possibile scoprire l’evoluzione urbanistica della città vista dal cielo, attraverso le centinaia di immagini aeree che mostrano il cambiamento del territorio dal 1936 al 2013 : 77 anni di Torino concentrati nel solo click della mappa navigabile, alla portata di tutti in una nuova postazione multimediale.

Il progetto è realizzato nell’ambito del Piemonte Visual Contest, concorso su digitale, dati e creatività organizzato dal Consiglio regionale e CSI Piemonte. Tema di questa terza edizione sono le trasformazioni sociali, culturali ed economiche del territorio piemontese, che i partecipanti dovranno rappresentare attraverso progetti digitali di visualizzazione dati, mappe digitali, storytelling e data journalism.

La collaborazione con l’Urban Center permetterà di esplorare un ambito particolare di trasformazioni, l’urbanistica, che ha visto Torino protagonista negli ultimi decenni.

Le migliaia di immagini aeree mostrano infatti come, nel corso degli ultimi ottant’anni, è cambiata la fisionomia del capoluogo piemontese. Fotogrammi ora disponibili anche in formato digitale e consultabili con supporti elettronici grazie alla realizzazione di uno strumento di visualizzazione basato su un programma open source QGIS, ideato come supporto innovativo per i tecnici comunali. L’intero archivio storico aerofotogrammetrico, conservato e curato dal Servizio Informativo Territoriale (SIT) della Direzione Territorio e Ambiente e dell’Ufficio Cartografia Numerica del Servizio Catasto Comunale, in collaborazione con il CSI Piemonte che ha fornito l’ausilio tecnico, viene ospitato presso l’Urban Center per diventare sempre più accessibile a tutti i cittadini. Dalla postazione multimediale il pubblico può individuare un’area o addirittura scegliere uno specifico indirizzo: vengono visualizzate le immagini dei 15 voli aerei cittadini che mostrano quali interventi sono avvenuti sulla zona, tra il 1936 e il 2013.
Sulle immagini più datate è intervenuto  il Ministero della Difesa che, all’epoca del rilevamento, rese inaccessibili le zone sensibili come le caserme o punti considerati strategici.

Correlato:  Luci d'artista 2012: dove, come e perché

Per maggiori informazioni: www.urbancenter.to.it
Per partecipare al Piemonte Visual Contest: regolamento e premi su www.piemontevisualcontest.eu

 

SHARE
Previous articleMusei Reali di Torino, la nuova identità del Polo Reale
Next articleTorino, una stanza per le donne vittime di violenza
Laureato in Scienze della comunicazione con un Master in Informazione, New Media e comunicazione plurimediale, conseguito nel 2012. Giornalista pubblicista, grande appassionato di teatro, inizia a frequentarlo come spettatore, e dal 2003 in qualità di operatore dell’informazione e critico teatrale, collaborando con numerose testate e webzine di settore, specializzandosi soprattutto nel teatro musicale. Giornalista pubblicista, è inoltre membro dell’Associazione Nazionale Critici di Teatro e fa parte della giuria di PrIMO, il Premio italiano per il musical originale, ideato da Franco Travaglio.

LEAVE A REPLY