Una mostra a Vesime celebra lo storico aeroporto partigiano Excelsior

Una mostra a Vesime celebra lo storico aeroporto partigiano Excelsior

0
SHARE
Una mostra a Vesime celebra lo storico aeroporto partigiano Excelsior
Una mostra a Vesime celebra lo storico aeroporto partigiano Excelsior

Dopo ben 71 anni di oblio storico, finalmente l’Excelsior torna a essere valorizzato come importante contributo piemontese alla Resistenza italiana.

Nascosto tra le colline delle Langhe, questo aeroporto partigiano, dal 1944 fino alla Liberazione, consentì l’arrivo degli alleati e il trasporto di feriti e caduti: una pista costruita su un campo agricolo e lunga inizialmente 900 metri, nata grazie alla collaborazione di partigiani e abitanti della zona coordinati dal progettista Pasquale Balaclava, frutto dell’ideazione di Piero Balbo (comandante della II Divisione Autonoma Langhe) e Neville Darewski (ufficiale britannico del Social Operation Executive, conosciuto come il Maggiore Temple). Un passato eroico che ora può essere ripercorso attraverso un’interessante mostra permanente a Vesime (inaugurata lo scorso 17 gennaio).

L’allestimento è curato da Francesco Fassone e Alice Delorenzi: sei tappe che ricostruiscono la vita dell’aeroporto e i suoi protagonisti, cui si affianca l’esposizione di documenti inediti provenienti dall’Imperial War Museum di Londra. Un progetto che ha visto la collaborazione degli istituti storici della Resistenza di Alessandria, Cuneo e Savona, insieme all’Israt (Istituto per la Storia della Resistenza e della Società Contemporanea in Provincia di Asti), al Comune di Vesime e al Consiglio Regionale del Piemonte: tre anni di intenso lavoro, tra minuziose ricerche, progettazione di installazioni e allestimento degli  spazi, per restituire agli appassionati o ai semplici curiosi un reperto storico che ha in parte segnato il destino del nostro Paese.

«Questo è il modo migliore di ricordare quanti hanno combattuto e dato la vita per la libertà», ha orgogliosamente commentato, durante l’inaugurazione, Lucio Tomalino, presidente dell’Israt e tra i partigiani badogliani che videro nascere l’Excelsior. Il sindaco di Vesime Pierangela Tealdo promette già nuove iniziative: per il futuro si pensa a un percorso pedonale che condurrà, lungo il fiume, al sito che ospitò il campo di atterraggio.

Correlato:  Nuova vita per il palazzo Trucchi di Levaldigi

Info e prenotazioni: 0141-384835 (Israt).

 

Manuela Marascio

LEAVE A REPLY