Home Arte Torino: in arrivo 11 milioni per la tutela dei patrimonio culturale

Torino: in arrivo 11 milioni per la tutela dei patrimonio culturale

0
SHARE
Torino: in arrivo 11 milioni per la tutela dei patrimonio culturale
Torino: in arrivo 11 milioni per la tutela dei patrimonio culturale

Il 2016 si apre positivamente all’insegna della cultura e, soprattutto, dei finanziamenti che la sostengono.

Infatti, il Mibact, al secolo il Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, ha stanziato ben 300milioni di euro per la tutela dei patrimonio culturale in Italia. Il Ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo Dario Franceschini ha approvato il programma triennale degli investimenti, formato da un totale di 241 interventi che avranno luogo lungo tutta la penisola.

Come ha dichiarato lo stesso Franceschini, “Si tratta di un investimento di 300 milioni di euro per 241 interventi in tutta Italia che conferma quanto la cultura sia tornata al centro della politica nazionale. Dall’arte all’archeologia, dalle biblioteche agli archivi, dai musei alle eccellenze del restauro, non c’è settore dei beni culturali che non stia ricevendo un impulso significativo in termini economici e politici da questo governo”.

I 300 milioni saranno aggiunti ai già stanziati 360 milioni del Pon Cultura e destinati agli interventi di tutela nelle 5 regioni del Sud Italia.

Torino: in arrivo 11 milioni per la tutela dei patrimonio culturale

La divisione del fondo alle regioni non ha certamente lasciato a bocca asciutta il Piemonte, beneficiario di ben undici milioni e 400mila euro da dedicare alla preservazione del patrimonio culturale sabaudo. Quali sono i luoghi che risplenderanno grazie a questi stanziamenti?

E’ presto detto: alcune delle costruzioni più rappresentative del capoluogo piemontese, come Palazzo Chiablese, Palazzo Carignano, l’area archeologica e la splendida Basilica di Superga, per non parlare della Villa della Regina e della Biblioteca reale.

Alcune di queste costruzioni sono lontane, altre più ravvicinate, ma c’è la possibilità che il 2016 riporti allo splendore e al fasto ritrovati buona parte delle costruzioni più antiche di Torino.

Correlato:  APERILIBRO: il nuovo appuntamento letterario nella cornice di piazza Carignano

 

Giulia Porzionato

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here