Home Enogastronomia Torino e l’arte del mangiare bene, ecco le nuove aperture

Torino e l’arte del mangiare bene, ecco le nuove aperture

43
SHARE
Torino e l’arte del mangiare bene, ecco le nuove aperture
Torino e l’arte del mangiare bene, ecco le nuove aperture
Tempo di lettura: 2 minuti

Per l’anno 2016 la capitale del Salone del Gusto si prepara più che mai a essere all’altezza delle aspettative. In una città in continua evoluzione, ricca di musei, opere d’arte e molto altro, anche l’arte del mangiare bene e del buon cibo continua a farsi strada anche in questo anno appena iniziato.

Andiamo a vedere quali sono i nuovi locali appena sorti che, secondo il Gambero Rosso, vale davvero la pena di visitare e perché. Iniziando da una via poco conosciuta nella zona universitaria di Palazzo Nuovo, possiamo incontrare “Gaudenzio Vino e Cucina”, un ristorante nell’omonima via Gaudenzio Ferrari, una location che offre un percorso di degustazione completo accompagnato rigorosamente dal vino giusto; un’idea, insomma, per un apericena d’élite a base di pesce e svariati piatti sfiziosi. Spostandoci poi nella vicina via Maria Vittoria, possiamo trovare un tocco di Francia e di charme con “Camilla’s Kitchen”, dove il cibo e la cultura mangereccia piemontesi la fanno da padroni, in uno scenario decorativo condito sapientemente con dei prezzi decisamente abbordabili.

Altra new entry che ha attirato l’attenzione del prestigioso Gambero Rosso, è poi “Spazio 7”, presso la Fondazione Sandretto, un ulteriore omaggio alla cucina piemontese sia per gli amanti della ristorazione “classica”, sia per i frequentatori di bistrot. Rimanendo in tema possiamo senz’altro citare altri locali del genere bistrot come il “Ballatoio, bistrot di ringhiera” in via Principe Amedeo, che con i suoi prezzi interessanti, l’atmosfera calda e famigliare e il suo menù principalmente piemontese si prepara a scaldare i cuori dei torinesi.

Correlato:  Torino, il Bocuse d’Or si terrà a Lingotto Fiere l'11 e il 12 giugno: spazio agli ingredienti della cucina piemontese

Rimanendo in tema non possiamo non citare “Magazzino 52” di via Giolitti, altra location che mette al centro il buon vino, come anche “Sorij Nouveau, Rossorubino”, “Vinolento” in via Giolitti e “Goustò” il wine bar di Porta Palazzo.

Tra i locali segnalati per la qualità dal Gambero Rosso, vanno citati anche i ristoranti degli Hotel “NH Carlina”, “Art Hotel Boston” e “Pain Perdu”, dove ancora una volta la cucina piemontese la fa da padrona. Infine per i più giovani e per coloro che con un budget davvero limitato cercando il gusto, ecco alcune nuove panetterie che fanno al caso loro: “Prendila Così” in via Montebello e “So Far” in via Roma.

La scelta a Torino di certo non manca, tra le novità come anche tra i locali storici o presenti da molto tempo sul territorio. La nostra città si sta davvero preparando al meglio al Salone del Gusto 2016 e tutte queste nuove aperture promettono davvero bene e soprattutto si preparano ad incontrare “tutti i gusti”.

 

 

(Foto da GamberoRosso)



Commenti

SHARE