Home Articoli HP Ferran Adrià, lo chef più famoso del mondo, apre a Torino

Ferran Adrià, lo chef più famoso del mondo, apre a Torino

53
SHARE
Ferran Adrià apre a Torino
Ferran Adrià apre a Torino

Prevista per la fine del 2016 l’apertura a Torino di un ristorante firmato Adrià-Lavazza, progettato da Cino Zucchi e che sorgerà tra via Bologna e corso Palermo, nel quartiere Aurora, dove Lavazza sposterà la sua sede.

Il locale torinese sarà il primo che Adrià Ferran aprirà oltre i confini spagnoli.

La collaborazione fra lo chef e l’azienda dura da diversi anni, e il ristorante comprenderà sia la mensa per i dipendenti Lavazza che lo spazio aperto al pubblico, situato al primo piano, dove sarà possibile gustare una tipologia di cucina semplice, prevalentemente italiana ma ispirata a quella catalana del suo Bistrot di Barcellona, ideata da Ferran e da suo fratello Albert, anche lui chef di fama internazionale.

Ferran Adrià ha cominciato a lavorare come lavapiatti in un hotel  Castelldefels, in Spagna, dove ha imparato a preparare i primi piatti tipici catalani, per poi diventare lo chef che tutti conoscono a soli 22 anni, quando è entrato a far parte dello staff de “El Bulli”, di cui poco tempo dopo diventò lo chef ufficiale. Ferran è oggi conosciuto in tutto il mondo soprattutto per la sua “gastronomia molecolare”, ovvero una particolare tipologia cucina che si basa su contrasti e accostamenti inaspettati. Attualmente è ritenuto uno dei migliori chef del mondo, mentre il suo locale storico “El Bulli”, situato nella città catalana di Roses, ha ricevuto ben 3 stelle Michelin ed è stato nominato uno dei “50 migliori ristoranti del mondo” dalla rivista Restaraunt Magazine.

Dopo quasi cinquant’anni di attività, Ferran ha chiuso il locale, fra un’iniziale delusione generale, per trasformarlo in una sorta di “accademia” : elbullifoundation.com, volta alla ricerca gastronomica, ma la sua brillante carriera non sembra volersi fermare.

 

Correlato:  Salvate lo scoiattolo grigio!

Irene Ortega de Luna

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here