Home Storia 3 novembre 1960: l’inaugurazione del Museo dell’Automobile di Torino

3 novembre 1960: l’inaugurazione del Museo dell’Automobile di Torino

118
SHARE

3 novembre 1960: l’inaugurazione del Museo dell’Automobile di Torino

Il 3 novembre del 1960 è stato inaugurato il Museo dell’Automobile in corso Unità d’Italia al numero 40.

L’opera musearia iniziò nel più lontano 1932. Roberto Biscaretti di Ruffia (presidente del Club dell’Automobile di Torino e tra i fondatori di Fiat) decise all’epoca di dare uno spazio alle quattro ruote. Una scelta lungimirante, visto che, con il passare degli anni, sarebbero diventate così importanti per l’Italia e per i suoi abitanti.

I lavori di messa in opera della sede di corso Unità d’Italia si svolsero a cavallo tra il 1959 e il 1960. L’inaugurazione, avvenuta nella giornata di oggi di quell’anno, fu realizzata alla vigilia dei festeggiamenti per il centenario dell’unità della penisola italiana.

All’interno del Museo sarebbero entrate più di 200 automobili storiche, seguendo il progetto dell’Architetto Amedeo Albertini. Le auto destinate all’esposizione appartenevano tutte dalla metà del secolo precedente fino ai modelli attuali di quel momento.

Torino Museo dell’Automobile,
Torino Museo dell’Automobile,

Il Museo dell’Automobile di Torino negli ultimi anni

Nella storia più recente il Museo dell’Automobile ha visto progetti di ristrutturazione tra il 2002 e il 2005, fino alla nuova inaugurazione nel marzo 2011 in occasione dei festeggiamenti di Italia 150.

Ancora oggi il Museo dedicato alle più famose quattro ruote troneggia restaurato sulla nostra città, con idee sempre più innovative e una kermesse di veicoli sempre più nutrita.

Con i pezzi storici e rari dei secoli passati, i modelli più recenti e lussuosi e tutto il suo bagaglio storico e culturale, il Museo dell’Automobile festeggia più di 50 anni nella sua sede storia in corso Unità d’Italia, senza smettere di regalare emozioni agli appassionati.

Francesca Palumbo

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here