Home Ambiente Nuovi alberi per una Torino sempre più verde

Nuovi alberi per una Torino sempre più verde

5
SHARE

Per migliorare Torino e riqualificare gli spazi verdi della città, sono stati stanziati circa 3 milioni di euro con i quali si prevede la posa di 2.000 nuovi alberi, 4.000 interventi di potatura e pulizia tra quelli esistenti, nonché la formazione di piste ciclabili e la manutenzione dei tanti “giardinetti” pubblici bisognosi di cure.

Tali procedimenti sono stati recentemente approvati a seguito delle delibere presentate dall’Assessore all’Ambiente Enzo Lavolta in Comune.

L’obiettivo di questo progetto decisamente green-friendly è quello di migliorare l’aspetto e la salute della nostra città, permettendo agli alberi e ai vari polmoni verdi disseminati per Torino di prosperare e di svolgere il loro compito al meglio.

Le prime zone che verranno senz’altro ripristinate saranno i grandi viali alberati che costeggiano i corsi principali, con la cura delle piante malate e la sostituzione di quelle ormai devitalizzate; un punto che riceverà un investimento sostanzioso è quello che si trova tra corso Racconigi, piazza Marmolada e piazza Robilant, con il recupero del viale alberato e la creazione di una pista ciclabile.

Sempre nell’ambito del recupero di ciò che già sussiste sono previsti numerosi interventi di potatura in zona Santa Rita e Mirafiori, ma anche dalle parti di corso Telesio e in zona Aurora.

Un vivaio privato poi, per l’occasione è stato incaricato di fornire più di 1.000 nuove unità da piantare nelle zone indicate dal servizio Verde Gestione, specialmente in quelle aree della città dove già sotto molti altri punti di vista si sta progressivamente andando verso la riqualificazione (es. San Salvario e Barriera di Milano).

Torino, ancora una volta, si presenta come città smart, amica del verde, dell’ambiente e pronta a investire sul suo futuro verso la salute e la bellezza naturale.

Correlato:  Po, torna Millefoglio e l'acqua del fiume è di nuovo verde

Francesca Palumbo

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here