Home Innovazione Torino in 3D grazie alla realtà virtuale

Torino in 3D grazie alla realtà virtuale

SHARE
Torino in 3D grazie alla realtà virtuale
Torino in 3D grazie alla realtà virtuale
Tempo di lettura: 1 minuto

La città di Torino ha ottenuto un altro importante primato nel panorama europeo: essa è infatti la prima città del vecchio continente che può essere visitata tramite la tecnologia della realtà virtuale.

Ciò che fino a ieri sembrava pura fantascienza, oggi è realtà e Torino davvero può essere visitata, nei suoi palazzi più imponenti e famosi e nelle sue valli limitrofe spettacolo della natura, attraverso uno smartphone e un paio di visori.

La Fondazione Musei ha ideato questo progetto tutto torinese con la collaborazione della start up Ld Multimedia di Lucia Licata e Fulvio Castellaro, nata nel giugno del 2015.

Grazie al suddetto progetto Torino si configura come la prima città europea dotata di virtual tour a 360°, in 3D e interattivo.

Per poter usufruire di questo sistema sarà sufficiente munirsi di un semplice visore di cartone (in vendita alla modica cifra di circa 8€) presso l’Emporio Carta, altra realtà torinese che contribuisce a rendere il progetto reale; a questo punto basterà inserire il proprio smartphone munito dell’apposita app nell’oculus di cartone e il gioco sarà fatto: Palazzo Reale, Superga, la Mole Antonelliana e tutti i verdeggianti parchi della città saranno a disposizione di turisti di ogni parte del mondo, senza che questi si muovano da casa.

Il 25 ottobre Ld darà a tutti i torinesi interessati la possibilità di toccare con mano (in questo caso con gli occhi) la realtà virtuale. Per l’occasione ci si riunirà in piazza Vittorio e verranno distribuiti più di mille visori per permettere a tutti di provare questa elettrizzante esperienza che sembra provenire ancora dal futuro.

Correlato:  Da Collegno agli Stati Uniti la start up sul fitness

Francesca Palumbo



Commenti

SHARE