Home Territorio Il Giardino di Palazzo Cisterna resterà aperto al pubblico

Il Giardino di Palazzo Cisterna resterà aperto al pubblico

7
SHARE

Grazie alla manifestazione Arte alle Corti e a Flor 2015, in programma il 10 e 11 ottobre, che il Giardino di Palazzo Cisterna sta mostrando e mostrerà i suoi tesori al pubblico.

Il piccolo giardino nel pieno centro di Torino è aperto da settimane e ospita opere d’arte contemporanea, visitabili gratuitamente: inizialmente si trattava di un’idea temporanea, ma pare che il Comune stia pensando di prolungare l’apertura a tutti, contando di mantenere gli altissimi livelli di visite finora raggiunti.

Il Giardino di Palazzo Cisterna resterà aperto

E poi un aiuto arriva da ‘Flor’, la manifestazione florovivaistica nel centro di Torino, organizzata dalla Societa’ Orticola del Piemonte, che rientra nel calendario di “Nutrire le citta’”, promosso dalla Citta’ in sinergia con Expo, è artefice di tutto questo.

A Palazzo Cisterna si terrà “Belle da Morire”, giardino delle piante velenose sullo stile dell’inglese Poison garden e “Il giro del mondo in 80 peperoncini”, a cura del Vivaio Fratelli Gramaglia.

Ma Flor sarà anche molto altro: sarà presente anche il progetto “Community School Garden” del Laboratorio Città Sostenibile di Iter della Città di Torino, che realizza con le scuole orti scolastici per promuovere l’educazione alimentare e ambientale.

Se passate dalle parti di via Carlo Alberto, non perdete il piccolo “giardino – risaia”, ovvero una risaia in cui la mancanza di diserbi favorisce la biodiversità dando vita a un vero giardino acquatico.

 

Invece, in collaborazione con la Libreria Bodoni / Spazio B, Simonetta Chiarugi presenterà il suo libro “Buon Gardening” e insieme a Edoardo Santoro dell’associazione “Sguardo nel Verde” realizzerà un laboratorio sui semi. UrBees – progetto di Apicultura urbana- interverrà inoltre con la presentazione del libro “L’arnia sul balcone? Storia di UrBees e di un apicoltore urbano a Torino”.

Correlato:  Egizio e Museo dell'Automobile nella Top 50 del Times

Redazione M24

(Seguici su Facebook)

 

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here