Home Urbanistica Buche a Torino: una ogni 100 mq

Buche a Torino: una ogni 100 mq

2
SHARE

Gli ultimi dati relativi alla situazione delle nostre strade non possono non suscitare allarme: al 15 settembre risale l’ultimo censimento di ben 1286 buche a Torino di severità medio-alta, di cui quelle più pericolose – soprattutto per i ciclisti – hanno già ricevuto un minimo di aggiustamento da parte dei vigili che hanno provveduto alla catalogazione.

Come viene monitorata la situazione delle buche a Torino

Già nell’estate del 2013 si stimavano oltre 3 mila casi di criticità; sembrerebbe tuttavia che la situazione col tempo non accenni a risolversi del tutto, anzi, ogni anno è necessario correrei ai ripari per fronteggiare una vera e propria emergenza.

ll pm Raffaele Guariniello, titolare dell’indagine, ha riconosciuto l’evidente problematicità che caratterizza l’Italia rispetto a molti altri Paesi europei. Il monitoraggio è stato effettuato dalla Polizia Municipale; per ogni buca è stata redatta una scheda descrittiva e la classificazione ha suddiviso i danni al manto stradale in buche in comuni, usure superficiali, chiusini con avvallamenti e lastricati smossi.

Il controllo costante, oltre a essere prezioso per gli interventi tempestivi in casi di forte allarme, è anche indispensabile alla procura, che riceve le denunce di cittadini vittime di incidenti dovuti ai dissesti e per i quali sono aperte da tempo inchieste per lesioni colpose.

A Torino una buca ogni 100 mq

Tutto era infatti iniziato nel 2013 con due fascicoli: uno, per omicidio colposo, riguardo la vicenda di Ezio Fogli, pensionato morto dopo essere caduto, mentre camminava per strada, a causa di una buca; l’altro vedeva invece l’ipotesi di lesioni colpose per il ferimento di una turista francese in corso Vittorio, davanti a Porta Nuova.

I nuovi dati, suddivisi per quartiere, confermano condizioni critiche un po’ dovunque: resta Madonna di Campagna (232 buche) il quartiere più dissestato. Seguono San Salvario e la zona precollinare (208), e persino l’elegante Crocetta si distingue con il suo centinaio di buche.

Correlato:  San Salvario: dal 1 luglio i parcheggi per i residenti

Molte sono già state rattoppate, ma nella maggior parte dei casi si tratta di soluzioni temporanee, di interventi a freddo, più economici, ma meno duraturi, che rischiano di riaprirsi alle prime piogge. Certamente, man mano che si avvicinerà la stagione invernale, bisognerà fronteggiare nuovi deterioramenti sulle nostre strade.

 

Manuela Marascio

 

 

 

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here