Home Cronaca di Torino Iniziata l’asta dei “gioielli” della carrozzeria Bertone

Iniziata l’asta dei “gioielli” della carrozzeria Bertone

3
SHARE

E’ iniziata oggi l’asta della collezione delle automobili del museo Bertone e del marchio della famosa carrozzeria torinese, caduta in rovina.

Una vendita necessaria per cercare di ottenere liquidità, dopo il fallimento degli scorsi mesi della società, nel tentativo di ripagare i molti creditori.

Sono 79 i gioielli, fino ad oggi custoditi in un museo di Caprie in bassa Val di Susa, che potranno essere acquistate, fino al prossimo 28 settembre su sito milanobenimmobili.it: tra questi svettano una Lamborghini Miura, una Countach e una Espada, una Lancia Stratos stradale, un’Alfa Romeo Montreal, una Giulia SS, una Giulia Sprint, una Fiat Dino Coupé, una Ferrari 308 GT4.

Ci sono, poi, innumerevoli prototipi Bertone, dalla Chevrolet Ramarro dell’84 alla Z.E.R. elettrica del ’94, dalla Porsche Karisma dello stesso anno alla Jaguar B99 del 2011.

Pezzi storici a cui Duccio Bertone era particolarmente legato e che ogni cultore delle quattro ruote non può non amare.:  simboli di una tradizione di di design e carrozzeria radicata nel  torinese che per decenni ha dettato legge in fatto di stile e eleganza nel mondo.

Ricordiamo che si tratta di due lotti distinti: il primo, con base d’asta di 1.587.200 euro comprende 79 veicoli e prototipi, mentre il  secondo, con base d’asta di 3 milioni di euro, include, invece, il solo marchio della Bertone e il relativo brevetto.

 

C’è un vincolo d’acquisto osto dalla Soprintendenza per i beni storici e artistici: la collezione, infatti, è indivisibile, potrà essere ulteriormente rivenduta solo in blocco e non potrà lasciare l’Italia

La Redazione di Mole24

(Seguici su Facebook)

 

Commenti

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here