Home Innovazione Torino hi-tech: la coda si fa con lo smartphone

Torino hi-tech: la coda si fa con lo smartphone

17
SHARE
Torino hi-tech: la coda si fa con lo smartphone
Torino hi-tech: la coda si fa con lo smartphone

Il problema delle code agli uffici pubblici è un rito in cui ognuno di noi si è ritrovato nella propria  vita;  prima o poi ci si incappa e, forse per peculiarità del nostro paese, ci si mette l’ anima in pace sopportando i lunghissimi tempi d’ attesa.

Ore e ore passate in coda ad aspettare il proprio il turno e la mattinata di permesso si volatilizza in un attimo.

Per risolvere il problema gli uffici si sono dotati di macchinette automatiche che distribuiscono numeri di accesso allo sportello, (e qualcuno si è inventato persino una professione  andando a fare le code per chi non ha tempo al prezzo di 10 Euro l’ ora) ma nella nostra città tutto questo potrebbe essere un brutto ricordo nel giro di poco tempo.

Torino hi-tech: la coda si fa con lo smartphone
Torino hi-tech: la coda si fa con lo smartphone

E’ di questi giorni il comunicato di Poste italiane che nei propri uffici Via Marsigli 22, Corso Racconigi 43 e Via Breglio 37/A si potrà aspettare il proprio turno direttamente dal nostro smartphone.

Su Google play ed Apple store è infatti disponibile l’ applicazione “ufficio postale” che consente di individuare “la posta” più vicina che ha attivato il servizio, prenotare il proprio turno sapendo quante persone sono in coda prima noi e, una volta arrivato il proprio “numero”, presentarsi con il biglietto elettronico rilasciato sullo schermo del nostro telefonino dall’ applicazione stessa.

Il programma inoltre consente di pagare bollettini, mandare raccomandate , verificare le spedizioni effettuate e ricercare il Postamat più vicino a noi in qualunque parte d’ Italia ci si trovi.

Torino hi-tech: la coda si fa con lo smartphone
Torino hi-tech: la coda si fa con lo smartphone

Ma Poste non è l’unico ente che ha attivato un servizio del genere, anche il centro per l’impiego di via Bologna e gli uffici della Soris in corso Racconigi hanno un sistema simile già entrato in regime: la app si chiama “qurami” e  ha i medesimi obiettivi e funzionamenti del servizio di Poste italiane.

Correlato:  TorinoMercati, e le bancarelle diventano Smart

Progetti innovativi sponsorizzati da Torino Smart city, e che lanciano la città nel mondo hi-tech , cercando di offrire servizi e di migliorare i rapporti dei cittadini con la pubblica amministrazione  ottimizzando tempo e risorse di tutte le parti in causa:

Torino passion lives here!

 

Alessandro Rigitano

 

Seguici su Facebook

 

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here