Home Storia 1 Agosto 1836: arriva Balzac a Torino

1 Agosto 1836: arriva Balzac a Torino

255
SHARE
1 Agosto 1836: Balzac arriva a Torino
1 Agosto 1836: Balzac arriva a Torino

Che gli artisti siano personaggi strani, a volte pittoreschi è fattore conosciuto da tutti, e il famoso scrittore francese Honoré de Balzac non fa di certo eccezione.

Estroverso, egocentrico, vanitoso, eccellente nello scrivere e allo stesso tempo nel dilapidare le sue fortune accumulate con i suoi scritti.

Debiti: molti artisti devono affrontare questo problema ed è proprio il motivo per cui la grande penna francese soggiornerà nella nostra città. Vediamo cosa ci riportano le fonti sull’arrivo di Balzac a Torino

In fuga dai debiti, ma senza rinunciare al lusso: il soggiorno di Balzac a Torino

Rincorso dai creditori nei suoi appartamenti di Parigi, viene soccorso da una delle sue molte amanti, la  Contessa Visconti Guidoboni, che decide di finanziare un suo viaggio in Italia giustificandolo come modo per risolvere problemi lasciati dalla madre per questioni di eredità.

Balzac a Torino

La contessa elargisce cifre considerevoli per il viaggio e il francese decide di farsi accompagnare da un servitore bruno: Marcel, nessuno conosce chi sia questo giovane che accompagna Balzac, ma presto si conoscerà la verità.

Arrivato nel capoluogo piemontese il 1 Agosto del 1836, Balzac non resiste alla tentazione dello sfarzo e della vanità e decide di alloggiare in uno degli alberghi più lussuosi della città.

Si sparge presto la voce della presenza dello scrittore che viene tempestato da richieste di presenza nelle varie case dei nobili sabaudi, che non vedono l’ ora di poter interloquire con una persona di elevata cultura quale Balzac è.

1 Agosto 1836: arriva Balzac a Torino

In questa serie di incontri, però, viene subito a manifestarsi il travestimento messo in atto da lui e il suo compagno di viaggio “Marcel”, che in realtà è una ragazza, tale Caroline Marbouty, moglie di un magistrato ed ultima, in ordine di tempo, amante dello scrittore.

La ragazza, molto avvenente, fa capolino a seguito di Honorè e la nobiltà piemontese  capisce che questo personaggio potrebbe essere, alla pari del suo compagno, in cerca di attenzioni e conoscenze.

Il rischio è cadere in un grosso scandalo poiché la Caroline è una donna sposata, e quando il gioco diventa troppo rischioso Balzac decide di partire da Torino alla volta di Milano.

Qui soggiornerà per un periodo più lungo frequentando La Scala e il Salotto Maffei, trascorrendo molto tempo con la futura moglie , la contessa Eveline Hanska, alla quale confesserà che il vero motivo del suo viaggio in Italia erano i duecentomila franchi di debiti che aveva contratto a Parigi.

 

Alessandro Rigitano

 

 

Commenti

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here