Home Territorio Al monte dei Cappuccini il Parco Avventura?

Al monte dei Cappuccini il Parco Avventura?

6
SHARE

Potrebbe sorgere al Monte dei Cappuccini il nuovo Parco Avventura di Torino. Potrebbe. L’idea, infatti, ha suscitato non poche polemiche dallo scorso aprile, quando è stata presentata in Comune.

Dove nascerà il Parco Avventura?

“Abbiamo appreso pochi giorni or sono che è stata presentata a Palazzo Civico una proposta per realizzare un “Parco Avventura” al Monte dei Cappuccini, “sfruttando i circa 7000 metri quadri di verde che sovrastano corso Moncalieri”. Nell’attesa di vedere un’illustrazione dettagliata del progetto, presentato dall’Associazione Parchi Avventura Italiani, non possiamo fare a meno di esprimere i nostri dubbi in materia, peraltro già formulati al quotidiano torinese anche dalla Coordinatrice all’Ambiente della Circoscrizione Ottava, Germana Buffetti”. questo si legge su una pagina Facebook nata pochi giorni dopo la proposta, che raccoglie le idee di chi non è d’accordo. Ancora: “Innanzitutto ci pare che un Parco Avventura, che dovrebbe comportare la realizzazione di una “casetta”, ponti tibetani, carrucole, passerelle e varie attrezzature ludico-sportive, per ragazzi e per adulti, venga a snaturare un piccolo parco, certo poco noto e poco fruito, ma di rilevante valore storico e paesaggistico, sottostante il complesso della chiesa e del convento dei Cappuccini con il Museo della Montagna“.

Non solo i cittadini, ma anche in Comune cresce la fronda anti Parco Avventura.

Dove nascerà il Parco Avventura?

“Obiettivo del progetto è sviluppare non solo l’aspetto ludico, ricreativo e sportivo delle varie attività, ma anche curare l’aspetto pedagogico per i bambini e ragazzi a partire dai 3/4 anni di età. Per i più piccoli infatti saranno realizzati dei percorsi dedicati a meno di un metro da terra in modo da legare l’esperienza del gioco all’aria aperta ad una prima percezione del “rischio” e dell’avventura. Il progetto inoltre prevede di allestire percorsi e attività (piccoli labirinti naturali, sentieri a piedi nudi ecc.) che guidino i ragazzi alla scoperta ed al contatto con la natura, attraverso gli alberi, il terreno, le foglie, vere e proprie “esperienze sensoriali” ormai dimenticate o spesso trascurate nella vita cittadina di tutti i giorni”.

Correlato:  Tripadvisor premia la Metro di Torino

Questa è la descrizione che si legge sul sito della Circoscrizione 8, ma si diceva che le voci di chi non è d’accordo all’idea stanno crescendo, anche politicamente. Tanto’è che la Commissione Ambiente sta valutando altre mete alternative: il parco Leopardi, il parco della Maddalena o, più probabilmente, il parco di San Vito

Redazione M24

(Seguici su Facebook)

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here