Home Cronaca di Torino Uber: a Torino la protesta in calesse diventa un video

Uber: a Torino la protesta in calesse diventa un video

0
SHARE

Forse avete sentito parlare della singolare protesta di Uber della settimana scorsa.

Taxi privato, car pooling con conducente, chiamatelo come volte: sta di fatto che settimane fa alla multinazionale è stato imposto un blocco, al momento definitivo.

Uber: a Torino la protesta in calesse diventa un video

Secondo il giudice che ha bocciato il servizio si tratta, in poche parole, di taxi non legali. Quindi app da disinstallare e autovetture ferme.

Uber non c’è stata e lo scorso primo luglio ha scelto Torino, una delle città italiane in cui il servizio era in funzione e in cui è stato bloccato, per mettere in scena quella che dicevamo essere una protesta molto singolare.

In altri termini: i “tassisti” di Uber hanno offerto passaggi gratuiti, ma non in macchina. Su un calesse.

Inevitabile la curiosità dei torinesi, che oltre ad approfittare in molti casi ben volentieri del passaggio hanno scattato foto, immortalato lo strano evento. Chiedendosi, magari, cosa ci facesse un calesse in via Roma.

Uber: a Torino la protesta in calesse diventa un video

 

Ecco spiegato il motivo: sulla pagina Facebook di Uber è stato pubblicato il video ambientato a Torino. Con questo claim: “Come sarebbe stato il futuro se nessuno avesse mai difeso il diritto ad innovare? Aiutaci a non fermare il cambiamento, condividi il nostro video e fai sentire la tua voce!”

Il video è qui

 

La Redazione di Mole24

(Seguici su Facebook)

 

Commenti

Correlato:  I trofei degli Azzurri alla Nove

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here