Home Urbanistica Moi, è ufficiale: in arrivo un polo scientifico tecnologico

Moi, è ufficiale: in arrivo un polo scientifico tecnologico

4
SHARE

Lo avevamo anticipato tempo fa, adesso è ufficiale. Nell’area del Moi, l’ex Mercato ortofrutticolo di Torino avrà sede un importante polo scientifico e tecnologico.

L’accordo è legato a un protocollo, siglato pochi giorni fa da Fassino e dai rettori di Università e Politecnico, Gianmaria Ajani e Marco Gilli insieme agli assessori comunali alle Politiche urbanistiche, Stefano Lo Russo, e al Patrimonio, Gianguido Passoni.

Moi, è ufficiale: in arrivo un polo scientifico tecnologico

L’obiettivo è creare un polo che sia in stretto contatto con la Città della Salute, che sorgerà nell’area ex Avio, quindi a breve distanza: l’area su cui sorgerà il polo scientifico è stata concessa in comodato gratuito dal Comune. Sono 18 mila i metri quadrati su cui, tecnicamente parlando, sorgerà un polo di aggregazione multidisciplinare, che comprenderà area didattica, ricerca, collaborazioni scientifiche e studi tecnologici.

20 milioni di euro è l’ammontare della spesa, che arriverà dai fondi dei due atenei torinesi, da fondi europei e probabilmente da collaborazioni private.

Così il Sindaco: “La concessione a Università e Politecnico delle Arcate, già sede del centro servizi del Villaggio Olimpico durante le Olimpiadi invernali del 2006, ha un interesse strategico per la città; l’auspicata riqualificazione della struttura ha un valore documentale importante nel patrimonio architettonico della città e la realizzazione di un polo tecnologico a carattere scientifico-sanitario è in linea con la vocazione della Città, sempre più orientata a diventare centro di innovazione” può dunque essere considerata una prospettiva concreta.

La loro rinascita può innescare una generale riqualificazione per l’intera area di piazza Galimberti, molto attesa dai cittadini”.
Moi, è ufficiale: in arrivo un polo scientifico tecnologico
Sono anche previsti laboratori congiunti inter-ateneo, in modo da rendere l’area un reale polo culturale moderno, in cui si faccia non solo ricerca ma si incontrino i migliori cervelli in circolazione. Dalla medicina alla robotica, dall’ingegneria alle neurotecnologie: gli ambiti sono molteplici.

Correlato:  Palazzo del Lavoro: un nuovo centro commerciale e il museo della scienza entro un anno

Secondo il rettore Ajani “Il progetto è di assoluta originalità nazionale e trova pochi altri riferimenti anche a livello europeo, mentre si allinea al panorama internazionale più avanzato”.

Redazione Mole24

(seguici su Facebook)

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here