Home Innovazione Il Castello del Valentino ha un sito tutto suo

Il Castello del Valentino ha un sito tutto suo

6
SHARE

Entra ufficialmente a far parte dei tesori turistici di Torino anche il Castello del Valentino. Onde evitare che questa frase scateni polemiche, spieghiamo subito cosa intendiamo: adesso uno dei monumenti architettonici più belli della città ha un suo sito, creato ad hoc dal Politecnico.

Il Castello del Valentino ha un sito tutto suo

Il motivo è semplice: il Poli è ospitato all’interno del Castello per i corsi della Facoltà di Architettura.

Notevole, comunque, il lavoro sul sito, che permette di compiere un vero e proprio viaggio, virtuale e non solo, all’interno dei locali del Castello.

Storia, dati, fotografie, e udite udite, la possibilità di visitarlo, il primo e il terzo sabato del mese.

Alcuni studiosi, infatti, accompagnano i visitatori attraverso le aree del Monumento torinese, con orario 10 e 11.30,

Spazio anche a eventi formativi, che all’interno del sito vengono aggiornati costantemente, come “Architettura, Design e Pianificazione on the Job”, evento di orientamento dedicato alle professioni dell’area dell’architettura che diventerà un appuntamento ricorrente di ogni anno. L’iniziativa, aperta a laureandi e neolaureati di primo e secondo livello in architettura, design e pianificazione, ha lo scopo di offrire una panoramica su quelli che possono essere gli sbocchi professionali per i giovani laureati di questi settori ma anche di presentare una serie di tematiche utili per l’ingresso nel mondo del lavoro

Il Castello del Valentino ha un sito tutto suo

L’intera giornata sarà organizzata in seminari della durata di un’ora e mezza. Ai partecipanti verrà data la possibilità di scegliere tra una serie di focus: la mobilità internazionale, il funzionamento dei processi di selezione, l’utilizzo del fundraising, il ruolo dell’Ordine degli Architetti , le storie di giovani talenti laureati al Politecnico che porteranno la loro esperienza professionale.

Redazione M24

(Seguici su Facebook!)

Correlato:  Joint Research Center, uno dei tre laboratori sarà a Torino

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here