Home Cronaca di Torino LOV: il Vanchiglia Open Lab

LOV: il Vanchiglia Open Lab

8
SHARE

La capacità di cambiare, di non abituarsi: un’attitudine vitale per l’artista, ma anche per l’individuo e per la comunità. Vanchiglia Open Lab, che ha scelto il quartiere torinese come luogo per esprimere la propria passione e condividerla, quest’anno coinvolge tutto il suo pubblico nella sua spinta evolutiva e creativa.

La festa degli studi aperti del quartiere, alla sua settima edizione, infatti, si capovolge e diventa da LOV Night un LOV Day, domenica 7 giugno dalle 11 alle 20. Per mostrare le strade, i negozi e i locali di Vanchiglia sotto un’altra luce, per scoprire insieme l’altra faccia del borgo. Quella di chi ama questo quartiere a tutte le ore del giorno, di chi ne conosce e ne condivide l’atmosfera quotidiana, diurna prima ancora che notturna.
I LOVers quest’anno porteranno quanti decideranno di passare qualche ora curiosando fra studi e laboratori creativi, negozi, ristoranti, bar e locali in un mondo d’inaspettate evoluzioni, capovolgimenti e curiosi mix.

Saranno 140 gli spazi ad aprire le porte. Studi di fotografi, architetti, progettisti, grafici ed esperti di comunicazione che si mescolano a luoghi dedicati al teatro, alla danza e alla musica. E poi gallerie, negozi specializzati in stili particolari, ristoranti, botteghe biologiche ed etniche insieme a locali dove ascoltare musica.

pantherachristata

La settima edizione di Vanchiglia Open Lab è ispirata al concetto di evoluzione, cambiamento,.

Temi che rendono il quartiere un luogo teso costantemente verso una nuova e migliore forma di se stesso.

I 140 partecipanti sono divisi in categorie. Ci sono i LOVshops, i negozi di Vanchiglia e i molti LOVfood, i ristoranti del quartiere che propongono un menù ad hoc (LOVmenù) a prezzi speciali (LOVprice). Per questa giornata speciale anche i LOVbeat, i locali notturni di Vanchiglia hanno pensato a speciali attività diurne per farsi conoscere e vivere anche alla luce del sole.

Correlato:  Golf, Milano strappa a Torino l'Open d'Italia

Quest’anno, per la prima volta, l’Associazione Eco dalle Città si occuperà della pulizia delle strade dopo la manifestazione.
La Circoscrizione 7 patrocina il progetto fin dalla sua nascita e il progetto ha anche il patrocinio della Città di Torino.

Roberto Mazzone

(Seguici su Facebook!)

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here