Home Arte Federico Patellani: il fotoreporter dell’Italia che non c’è più.

Federico Patellani: il fotoreporter dell’Italia che non c’è più.

3
SHARE
Torino Federico Patellani: il fotoreporter dell’Italia che non c’è più.
Torino Federico Patellani: il fotoreporter dell’Italia che non c’è più.

Torna la fotografia a Palazzo Madama. Dopo un anno denso, che ha visto il susseguirsi di mostre dedicate agli “obiettivi” femminili – come Eve Arnold  e Tina Modotti , fino alle fotografie al femminile del National Geographic  – torna un’esposizione monografica dedicata a un uomo. Per tutta l’estate – fino al prossimo 13 settembre – si può fare un viaggio, un vero e proprio viaggio in Italia, grazie a Federico Patellani.

Nell’ambito del programma Neorealismo. Cinema, Fotografia, Letteratura, Musica, Teatro. Lo splendore del vero nell’Italia del dopoguerra 1945-1968, un progetto in collaborazione tra Palazzo Madama e il Museo Nazionale del Cinema di Torino è allestita una nuova mostra fotografica.

L’esposizione vuole celebrare l’opera e la vita professionale di Federico Patellani, il primo fotogiornalista italiano e uno dei più importanti fotografi italiani del XX secolo, la cui produzione – realizzata nella quasi totalità per i giornali – è oggi conservata presso il Museo di Fotografia Contemporanea di Milano-Cinisello Balsamo (per deposito di Regione Lombardia).

Torino Federico Patellani: il fotoreporter dell’Italia che non c’è più.

Sono state scelte circa 90 fotografie in bianco e nero, quando il fotografo si dedicò soprattutto alla fotografia di viaggio. Un viaggio nel viaggio che vuole raccontare, attraverso le immagini, le tappe fondamentali della carriera di Patellani dalla fine della Seconda guerra mondiale alla metà degli anni Sessanta.

Il percorso è suddiviso in cinque sezioni che rappresentano le tematiche più importanti della sua produzione: la distruzione delle città italiane alla fine della Seconda guerra mondiale, la ricostruzione e la ripresa economica, il sud dell’Italia e la Sardegna, la nascita dei concorsi di bellezza e la ripresa del cinema italiano, i ritratti degli artisti e degli intellettuali.

Correlato:  Roy Lichteistein: un VIP alla Gam di Torino.

Ma non ci si ferma qui: celebri le sue fotografie sui concorsi di bellezza – soprattutto sul dietro le quinte, con immagini rubate che sembrano lontane anni luce rispetto a oggi – che rappresentavano una scorciatoia di emancipazione e di speranza per molte giovani donne che desideravano lasciarsi alle spalle le miserie della guerra.

Di grande impatto sono le immagini della Sardegna più profonda, delle miniere e dei minatori, di quelle immagini della Sicilia che ormai sono più una cartolina di un’Italia oramai sempre meno reale.

Torino Federico Patellani: il fotoreporter dell’Italia che non c’è più.
.

Federico Patellani, inoltre, era molto conosciuto nell’ambiente cinematografico e testimonianza di questo sono le immagini che ritraggono i personaggi più famosi degli anni d’oro del cinema italiano: da Giulietta Masina e Federico Fellini a Totò fino a una bellissima immagine di Ingrid Bergman sul set di Stromboli, film che segnò l’inizio della sua storia con Roberto Rossellini.

L’obiettivo del suo lavoro era uno solo: la possibilità di documentare la realtà in modo sincero.

La mostra è ben organizzata e le immagini riescono a catapultare il visitatore in una dimensione diversa, capace di far sorridere e commuovere.

A differenza delle mostre precedenti mancano le audioguide ed effettivamente si sente la mancanza di una voce guida. Ma il consiglio è quello di lasciarsi guidare dalle emozioni che accompagneranno gli occhi in questa passeggiata.

Federico Patellani Professione fotoreporter fino al 13 settembre 2015

Palazzo Madama, piazza Castello – Torino

Per ulteriori informazioni consulta il sito di Palazzo Madama.

 

Giulia Copersito

(Seguici su Facebook!)

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here