Home Ambiente Spina4, arriva il parco “Smart”

Spina4, arriva il parco “Smart”

SHARE
Tempo di lettura: 2 minuti

Il nuovo parco della Spina 4 è realtà. Una grande festa lo ha tenuto a battesimo ieri, con giochi, musica, sport, mostre e passeggiate alla scoperta della storia dell’area.

Spina4, arriva il parco "Smart"

Un’area cara all’urbanistica di Torino, tanto da diventare in qualche modo un simbolo della riconversione da industria a tecnologia.

L’area ex Fiat Iveco Telai, di circa 43mila metri quadri fra passante ferroviario, via Cigna e via Valprato da ieri è ufficialmente un nuovo cuore verde della città, che coniuga ambiente con nuove tecnologie, in piena filosofia Smart City.

Sono 20 anni che nella Spina si parla di una riconversione: e in questi decenni ci si sono messi in tanti: agronomi, architetti, ingegneri, e antropologi, sotto il coordinamento del settore Grandi Opere del Verde del Comune.

E adesso, dopo una lunghissima ma studiatissima gestazione, il parco è realtà: 27 mila i metri quadrati, di prato, 420 gli alberi, un centinaio di corpi luminosi a led, ma non solo: sono previste aree fitness, attrezzi per grandi e giochi per bambini. Ma non è finita qui, dato che il parco fa parte di Urban Barriera, progetto di riqualificazione partito 4 anni fa, che punta alla rivalutazione di Barriera e, nello specifico, si sta ora interrogando su come gestire l’area.

Intanto, altra nota importante: il parco è intitolato all’ex dirigente Fiat Aurelio Peccei, è improntato a scelte di ecosotenibilità, con pavimentazioni e vernici che attivano il processo ossidativo di fotocatalisi di cui è responsabile il biossido di Titanio (TiO2), che, in presenza di luce (raggi ultravioletti), scinde le polveri sottili inattivando l’ossido di azoto che viene dilavato con le piogge.

Correlato:  Piemonte: record di fulmini, mai così tanti in 7 mesi

Spina4, arriva il parco "Smart"

 

E poi ancora, è un’area autonoma energeticamente, grazie all’ impianto fotovoltaico montato da IREN sulla capriata Porcheddu che compensa i quasi 100 corpi a led introdotti per la sua illuminazione. Riciclate, in parte, sono le panchine in alluminio.

Inoltre, cuore del parco è il cosiddetto “Cratere”, area di 1000 metri quadri, delimitato da una sorta di collinetta colorata, che ospita attrezzature e giochi per bambini di tutte le età.

Infine, da menzionare le dieci opere d’arte ispirate al passato operaio della zona, realizzate da giovani artisti che hanno partecipato a un concorso nazionale di idee aperto a studenti degli Istituti di Alta Cultura (Accademie di Belle Arti italiane) e delle Facoltà di Architettura indetto della Città, in collaborazione con il Politecnico e con l’Accademia Albertina delle Belle Arti di Torino.

 

Redazione M24 (Foto Iren)

(Seguici su Facebook)



Commenti

SHARE