Home Storia Il Borgo Medievale compie 133 anni, auguri!

Il Borgo Medievale compie 133 anni, auguri!

32
SHARE
Oggi 131 candeline per il Borgo Medievale; ma lo conosciamo davvero...?
Oggi 131 candeline per il Borgo Medievale; ma lo conosciamo davvero...?

Esattamente 133 anni fa, per l’esposizione universale del 1884, venne eretto il Borgo del Valentino.

La proposta di un borgo datato 1400 che fungesse da specchietto per la maggior parte delle strutture architettoniche piemontesi e valdostane vinse sulla seconda candidata, una mostra d’arte che partisse dal XI secolo.

L’equipe capitanata da Alfredo d’Andrade ERA vasta e disomogenea, e composta da ingegneri, pittori, artisti, intellettuali e studiosi con un comune obiettivo, terminare il “falso d’autore”in due anni; la progettazione e la costruzione partirono difatti nel 1882.

Oggi 131 candeline per il Borgo Medievale; ma lo conosciamo davvero...?
Il prtroghese Alfredo d’Andrande

 

Il borgo medievale fin da subito venne quindi concepito come un’enciclopedia “in carne ed ossa” che rappresentasse diverse realtà ancora oggi esistenti. Mura, fossati, baracche, saloni e torre: tutti copie di costruzioni sparse tra Mondovì, Valle di Susa, Bussoleno ed un’infinità di altri posti.

Quando il 27 aprile 1884 la costruzione venne finalmente inaugurata, il successo fu notevole. Vennero registrate quasi 3 milioni di visite all’Esposizione generale Italiana, cui più di 200mila dedicate interamente al Borgo Medievale, all’epoca, nuovo di zecca.

I vantaggi inoltre non furono solo momentanei, bensì l’intera struttura, per decisione della giuria dell’esposizione, venne mantenuta anche a evento terminato, quattro giorni dopo, il 31 ottobre; tant’è che per l’esposizione universale successiva, datata 1911, il Borgo medievale tornò in auge con nuove sezioni, e quelle ancora in fase di allestimento finalmente terminate.

Grazie quindi al borgo posto nel Parco del Valentino finalmente anche Torino poteva, e può tutt’oggi, vantare “una sorta di Museo di Cluny utile agli studiosi del Bello”, a detta della commissione artistica che giudicò la struttura

@DamianoGrilli

(Seguici su Facebook)

Commenti

Correlato:  Il miracolo della Consolata: a Torino per riacquistare la vista

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here