Home Urbanistica Buone notizie: 15 milioni per aggiustare le buche di Torino

Buone notizie: 15 milioni per aggiustare le buche di Torino

4
SHARE
Buone notizie: 15 milioni per aggiustare le buche di Torino
Buone notizie: 15 milioni per aggiustare le buche di Torino

Che il manto stradale della città di Torino sia una sorta di groviera, non è una novità, anzi è una problematica di cui si continua a discutere da molto tempo senza riuscire a trovare una soluzione, Buche e dissesti costellano le strade dal centro alla periferia e servirebbero ben 40 milioni per riqualificare l’intera città

Un disagio per automobilisti e pedoni a cui Palazzo Civico ha deciso di porre una soluzione se pur non definitiva, visto che son meno della metà, solo 15, i milioni di euro a disposizione per i principali interventi di riqualificazione che partiranno nei prossimi mesi.

La giunta di Fassino, grazie soprattutto all’intervento dell’assessore alla Viabilità Claudio Lubatti, è riuscita a trovare un finanziamento, tramite la stipulazione di  una serie di mutui, per coprire i principali lavori di ordinaria e straordinaria manutenzione nel breve periodo.

I lavori, che partiranno al termine dell’Ostensione della Sindone e saranno ultimati per l’autunno, saranno destinati alle soluzioni più pericolose e riguarderanno tutte e 10 le Circoscrizione cittadine, ognuna delle quali avrà a disposizione circa 500 mila euro per avviare le opere. Qualche centinaia di migliaia di euro in più saranno destinati alla prima e alla settimana  Circoscrizione , visto che le opere saranno di più importanti rispetto agli altri quartieri.

Gli altri 5- 6 milioni rimanenti andranno sempre a disposizione delle 10 Circoscrizioni, ma non saranno ancora erogati, fino a quando non saranno avviate e concluse le gare per ottenere i vari appalti.

Un paio di altri milioni, invece, andranno poi a risolvere le situazioni straordinarie riguardanti la riqualificazione di specifiche aree, come parcheggi o interi sedimi stradali.

 

La Redazione di Mole24

(Seguici su Facebook)

Correlato:  Fnac abbandona anche via Roma

 

 

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here