Home Spor-to La carica degli Ultramaratoneti del Ruffini

La carica degli Ultramaratoneti del Ruffini

3
SHARE

Se sabato notte siete passati dalle parti del Parco Ruffini avrete di certo notato uno strano bagliore.

Si trattava non certo di un improvvisato rave party, ma di un’impresa non poco folle. A Torino si sono svolti nel week end appena trascorso i Mondiali 24 ore.

Vale a dire: correre dalle 10 di sabato alle 10 di domenica e vince chi fa più giri dell’anello dello stadio Nebiolo.

Semplice, mostruoso.

E non hanno mica partecipato in pochi: 500, fra tutti.

L’evento, che si è svolto sotto l’egida di IAU (International Association of Ultrarunners) e IAAF è stato organizzato da Fidal, Fidal Piemonte e CUS Torino con il supporto del Comune di Torino e della Circoscrizione 3. La Città di Torino, che voleva questo evento già due anni fa, lo ha inserito tra gli appuntamenti top di Torino 2015 Capitale Europea dello Sport.

Ma si diceva dei numeri: 11ma edizione del Campionato Mondiale, 20ma edizione del Campionato Europeo, 43 nazioni presenti, 334 gli atleti della rassegna iridata ufficiale, 170 gli atleti iscritti alla gara open, per un totale di oltre 500 atleti al via.

I risultati:

Il titolo mondiale va al giovane tedesco (28 anni) Reus Florian capace di percorrere 132 giri del tracciato torinese per un totale di 263,899km alla media di 5:26 al km. Spiegano gli organizzatori: “Giusto per dare un’idea, è come se il neo campione iridato ed europeo avesse coperto nell’arco di 24 ore la distanza tra Torino e La Spezia”.  Al femminile successo a stelle e strisce per Nagi Katalin, capace di percorrere in totale 244,495km alla media di 5:52km (122 giri).

Correlato:  Parkour: lo sport di strada che arriva dalla Francia

 

Redazione M24

(Seguici su Facebook!)

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here