Home Cronaca di Torino Mole Antonelliana e grattacielo: cambia lo skyline di Torino

Mole Antonelliana e grattacielo: cambia lo skyline di Torino

54
SHARE
Mole Antonelliana e grattacielo: cambia lo skyline di Torino
Mole Antonelliana e grattacielo: cambia lo skyline di Torino

Lo skyline di Torino, fino al 10 aprile 2015, era dominato dalla Mole Antonelliana, inaugurata esattamente 126 anni fa, il 10 aprile 1889. Il 10 aprile si sdoppia e diventa quindi data storica per l’inaugurazione dei due edifici più alti della città di Torino.

La data si ripete e dà vita, proprio come nel secolo scorso, a un radicale rinnovamento del panorama torinese. Se infatti i cieli erano prima dominati solo dalla creatura progettata da Antonelli, ora la concorrenza è spietata: talmente tanto che l’altezza della Mole è stata quasi superata.

Infatti, sebbene la Mole rimanga ancora la costruzione più alta di Torino con i suoi 168 metri, il Grattacielo la sfiora quasi, arrivando circa un metro sotto la stella che corona la sede del Museo del Cinema. Renzo Piano ha deciso di non alterare completamente lo skyline della città, in una “concorrenza” non troppo spietata.

Nonostante questo, dal 10 aprile sarà possibile visitare il grattacielo, e la terrazza a cui si potrà accedere sarà comunque più ala dell’ultimo terrazzino disponibile della Mole. Il cambiamento e il rialzo dello skyline di Torino non sono, però, totalmente repentini.

I lavori del grattacielo di Intesa San Paolo iniziarono il 12 dicembre 2008, per terminare con le rifiniture esterne nel maggio 2013. Il tempo per alzare gli occhi al cielo verso il cantiere è stato moltissimo, sufficiente per abituarsi a questa modifica… o forse no?

Il Grattacielo Intesa San Paolo, soprannominato anche “frammento di ghiaccio” a causa della sua struttura in vetro, è stato ideato dalla Renzo Piano Building Workshop in un’ottica prevalentemente ecosostenibile.

L’edificio è totalmente alimentato a energia elettrica, e tre piani dell’edificio sono dedicati a una serra bioclimatica. Dopo cinque anni di lavori, il Grattacielo è ora pronto ad ospitare i quasi duemila dipendenti nei suoi 44 piani, 6 dei quali interrati.

Correlato:  Il grattacielo San Paolo è il più ecologico al mondo!

 

Giulia Porzionato

(Foto città di Torino)

(Seguici su Facebook!)

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here