Home Storia 6 Aprile 1765: nasce Carlo Felice

6 Aprile 1765: nasce Carlo Felice

17
SHARE
6 Aprile 1765: nasce Carlo Felice
6 Aprile 1765: nasce Carlo Felice

Nasceva esattamente 250 anni fa, Carlo Felice, terzo figlio di Vittorio Amedeo III di Savoia, non avrebbe mai creduto di salire al trono, e invece…

E’ il 12 Marzo 1821, Torino e il  Regno sono in subbuglio per il ribollire di alcuni moti rivoluzionari: il Re in carica Vittorio Emanuele I (a sua volta insignito a causa dell’ abdicazione del fratello maggiore) non riesce a reprimere la rivolta, e fu così che decise di abdicare anche lui: proprio in favore di Carlo Felice.

In quel momento il neo sovrano si trova “all’ estero”, a Modena, e quindi di fatto non sale al trono fino alla fine di Settembre quando fa il suo ingresso nella capitale dove ormai le agitazioni sono state controllate.

Carlo Felice fu un conservatore e repressore ed è difatti conosciuto, parafrasando il suo nome, con il nomignolo di “Carlo Feroce”: questa fama la deve ai tempi in cui ebbe in mano il governo della Sardegna, nel 1802, in qualità di Vicerè, in cui si trovò  nella situazione di dover reprimere rivolte contro il governo savoiardo inviso agli abitanti dell’ isola.

6 Aprile 1765: nasce Carlo Felice
6 Aprile 1765: nasce Carlo Felice

“L’ esperienza” maturata nei territori d’ oltre mare gli tornò utile nel 1821, quando represse con la forza i moti liberali innescati da intellettuali come Santorre di Santa Rosa e Roberto d’Azeglio.

Come dicevamo Carlo Felice fu un sovrano molto conservatore tant’è che al fratello Carlo Alberto, di idee più liberali, fece sottoscrivere un giuramento in cui si impegnava, una volta salito al trono, di conservare il lustro monarchico.

La sua politica si distinse per un riordino del codice civile, diede il via alla creazione di maestose opere pubbliche come la statale tra Cagliari e Sassari che ancora oggi porta il suo nome, costruì un teatro a Genova (il “Carlo Felice”), il porto di Nizza, un ponte sulla Dora, i portici di piazza Castello e piazza Carlo Felice davanti a Porta Nuova; fondò inoltre la Cassa di risparmio di Torino e la Reale Mutua assicurazioni.

Correlato:  Mole Antonelliana, 63 anni fa lo spaventoso crollo

In politica estera cercò di distendere i rapporti con l’ Austria e in onore a questo sforzo terminò il ponte di Boffalora iniziato dal suo predecessore Vittorio Emanuele I.

6 Aprile 1765: nasce Carlo Felice

Uomo di arte e di cultura assisteva sovente a spettacoli teatrali (si ricorda l’ episodio avvenuto al Carignano con il maestro Paganini in cui nacque il detto “Paganini non ripete”), si deve a lui la maggior parte dei reperti custoditi nell’ attuale Museo egizio, dove implementò la raccolta con oltre 5000 pezzi.

Scrisse di lui Montanelli:

« Politicamente, valeva meno di Carlo Alberto che, pur con tutte le sue ambiguità, la missione italiana della dinastia l’aveva intravista anche se per calcolo o codardia era sempre pronto a tradirla. Ma moralmente era molto al di sopra di lui. Per il trono non brigò mai, ebbe un sacro rispetto del pubblico denaro, non fece mai una promessa che poi non mantenesse e, pur vergognandosene come di debolezze, ebbe le sue generosità. ».

 

Alessandro Rigitano

 

Seguici su Facebook

 

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here